> >

Professionisti: non scatta la presunzione legale per i prelievi non giustificati

  • di Luigi Mondardini

    Niente presunzione legale a favore del Fisco nei confronti del professionista che non fornisce indicazioni sui prelievi dai propri conti correnti.

    Si tratta delle  presunzioni sui prelevanti di autonomi e professionisti  previste dalla legge 311/2004 che ha modificato la normativa sulle indagini finanziarie estendendo anche ai titolari di reddito di lavoro autonomo le presunzioni sui prelevamenti in caso di mancata indicazione del beneficiario.
     
    Dopo il deposito della recente sentenza 228/20014 della Corte Costituzionale , gli Uffici cominciano ad adeguarsi.
     
    Recentemente  la direttrice dell'agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, ha anticipato che stanno per partire «precise direttive in tal senso agli uffici. Del resto se lo dice la Corte costituzionale non possiamo che adeguarci». Entro  fine anno – ha anticipato ancora Orlandi – «arriverà una nuova circolare sulle modalità di realizzazione delle indagini finanziarie».
     
    Ora l'Agenzia chiede agli uffici di modulare gli accertamenti verificando caso per caso la natura dei prelievi in quanto se la presunzione di maggiori ricavi poteva trovare giustificazione per i redditi di impresa, per i professionisti era fuori luogo dato che, all'eventuale acquisto di un bene non fatturato, non conseguiva una prestazione in evasione di imposta, mancando una correlazione tra costi e compensi (come sosteneva il Tar Lazio e come la Consulta ha nei giorni scorsi riconosciuto). 
     
    Di fatto, la presunzione nei confronti dei professionisti è lesiva del principio di ragionevolezza e capacità contributiva ed è arbitrario ipotizzare che i prelievi ingiustificati da parte di un lavoratore autonomo siano destinati a investimenti nell'attività professionale e che questo a sua volta sia produttivo di un reddito. 

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link