> >

Nuovi minimi con soglie differenziate di reddito

  • di Luigi Mondardini

    Soglie di reddito differenziate in base al tipo di attività, costi a forfait.

    Inoltre vengono meno i livelli minimi per i contribu¬ti previdenziali di artigiani e commercianti. 
     
    Sono queste le caratteristiche principali del nuovo regime fisca¬le agevolato per imprenditori e professionisti, così come delineato dal disegno della legge di stabilità per il 2015.
     
    Se le anticipazioni saranno confermate, il nuovo regime forfettario sarà operativo dal 1° gennaio 2015 e si applicherà alle persone fisiche, quindi ditte individuali, anche impre¬se familiari, o professionisti con partita Iva autonoma.
     
    In particolare il  nuovo regime agevolato dei «minimi» è riservato a chi nel 2014 ha conseguito ricavi o percepito compensi non superiori ai limiti – da 15mila a 40mila euro – stabiliti a seconda del tipo di attività svolta.
     
    Il reddito si calcola quindi applicando ai ricavi un coefficiente di redditività variabile dal 40 all’86%, in base anche in questo caso all’attività svolta. 
    È sul reddito così calcolato che si applica l’imposta sostitutiva del 15 per cento. Lo schema prevederebbe  nove gruppi di settori. 
     
    Potranno quindi utilizzare il nuovo regime tutti coloro che hanno i requisiti previsti dal Ddl stabilità, indipendentemente dalla loro età anagrafica e dall’anzianità della loro partita Iva. Rispetto al precedente regime cambiano i parametri per l’accesso.
    Oggi la disciplina dei minimi fissa l’asticella a 30mila euro per tutti. Con il regime forfettario, invece, si andrà dai 15mila euro per i professionisti ai 40mila per i commercianti all’ingrosso e al dettaglio, come stabilito dalla bozza di allegato al DDL di stabilità 2015. 
    Per essere ammessi al regime agevolato occorre rispettare anche altri requisiti: le spese per il personale non devono eccedere 5mila euro e il valore lordo dei beni strumentali al 31 dicembre 2014 non deve superare 20mila euro.
     
    Intanto sono già iniziate le polemiche.

    I professionisti si lamentano perché la nuova soglia di ricavi che consente di aderire al regime agevolato è molto bassa rispetto all'attuale, 15 mila euro contro i 30 mila di adesso.

    Un altro aspetto poi è l'aliquota di tassazione, che aumenterebbe dal 5 al 15%. Ma c'è di più: per come è scritta ora la norma il reddito imponibile sarà calcolato a forfait, applicando un coefficiente che varierà in base alla tipologia di attività, e a cui andranno sottratti solo i contributi previdenziali (ipotizzando incassi per 10.000 Euro, coefficiente di redditività 78%, l'imposta del 15% si calcola su un imponibile forfettario di 7.800 € da cui sottrarre poi i contributi previdenziali). Non è semplice al momento valutare la convenienza al nuovo regime anche perché sono probabili ulteriori modifiche prima della definitiva approvazione

     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link