> >

Reati tributari : si cambia dal 22 ottobre

  • di Luigi Mondardini

    Dal 22 ottobre in vigore il restyling del nuovo regime penale tributario.

    In sintesi:
    - soglie  più alte per gli omessi versamenti
    - nuovo delitto di omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta
    - non punibilità per taluni reati se il debito tributario viene estinto prima dell’apertura del dibattimento. 
     
    Sono introdotte due nuove fattispecie penali: l’omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta, che comporterà la reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni e l’indebita compensazione di crediti inesistenti (reclusione da 18 mesi a 6 anni). Sia l’omissione del 770, sia la compensazione di crediti inesistenti scatteranno qualora l’ammontare rispettivamente delle ritenute non versate e della compensazione effettuata risulti superiore a 50mila euro.
     
    Le nuove regole sugli omessi versamenti delle ritenute e dell’Iva rappresentano una delle novità più attese: nel pri¬mo caso la soglia di 50mila euro viene innalzata a 150mila euro, mentre nel secondo (Iva) la soglia penale passa a 250mila euro. 
     
    In concreto, questi nuovi importi hanno riflessi sia per le violazioni commesse in passato sia per i procedimenti in corso .
    Potranno beneficiare del favor rei quei contribuenti che hanno contenuto le omissioni en¬tro le nuove soglie. 
     
    Si pensi al caso di un’impresa che abbia omesso di versare (entro il 21 settembre 2015, data di presentazione del 770) le ritenute effettuate (e certificate) nel 2014 per 110mila euro, ovvero entro il 27 dicembre scorso non abbia versato l’Iva dovuta per il 2013, per 210 mila  euro.
     
    Dichiarazione infedele: modifiche più favorevoli al contribuente.
    La soglia di punibilità passa da 50mila euro di imposta evasa a 150mila e il valore assoluto di imponibile evaso passa da due a tre milioni. 
     
    Vengono poi esclusi dalla rilevanza penale i costi indedu¬cibili se reali, e gli errori sull’inerenza e sulla competenza. 
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020martedì 28 gennaio 2020 ISTAT dicembre 2019Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link