> >

Stop ai contributi soci di srl.

  • di Luigi Mondardini

    I soci non lavoratori di Srl non pagano i contributi INPS.

    Secondo la Corte di Appello dell’Aquila ( sentenze n. 752 e 774/2015 del 25/06/2015), i redditi da partecipazione in società di capitali non vanno assoggettati a contribuzione della Gestione Commercianti e Artigiani INPS. 
     
    Ciò è in contrasto con quanto sostenuto dall’INPS con la Circolare n. 102/2003 e in linea con la tesi sostenuta sia dai Consulenti del Lavoro che dai Dottori Commercialisti. 
     
    In particolare si afferma nelle citate sentenze che i soci di Srl sono tenuti a determinare i contributi INPS gestione Commercianti solo sulla  quota di partecipazione riferibile al reddito della società a responsabilità limitata per cui i contribuenti hanno richiesto l’iscrizione in quanto soci lavoratori.
    Non vanno quindi assoggettati a contribuzione i redditi di tutte le quote di partecipazione in S.r.l., in quanto considerate redditi di capitale e non d’impresa. 
     
    A questo punto si auspica che l’INPS possa rivedere la propria circolare n. 102 del 2003, in modo tale da evitare dell’inutile contenzioso. Inoltre occorrerebbe  sospendere tutte le richieste di pagamento di contributi INPS gestione commercianti riferibili alle posizioni suindicate  ed emesse a seguito di verifiche fatte dall’Istituto. 
     
    Secondo la Corte “…… il rapporto previdenziale non può prescindere, per definizione, dalla sussistenza di un'attività, di lavoro dipendente o autonomo, che giustifichi la tutela corrispondente, atteso che, diversamente ragionando, ogni conferimento di capitali in società esercente attività di impresa dovrebbe comportare l'inserimento del reddito corrispondente nell'imponibile contributivo”. 
     
    Pertanto  “ il concetto di totalità dei redditi di impresa denunciati ai fini lrpef deve essere riferito esclusivamente all'impresa commerciale o artigiana in relazione alla quale l'assicurato è iscritto nella relativa gestione, non essendo necessariamente soggette a contribuzione ai fini previdenziali eventuali altre fonti di reddito da partecipazione”. 
     
    In conseguenza di tale pronunciamento si  dovrebbe  procedere all’annullamento in autotutela delle  richieste di contributi calcolati sui redditi da partecipazione a società di capitali, quali le Srl, evitando un inutile e dispendioso contenzioso giudiziario.
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT DicembreVai all'archivio

Quesito del giorno

sabato 30 marzo 2019 Welfare aziendale: esempi
giovedì 07 marzo 2019 Turisti UE/extra: contante a 15.000 Euro.
domenica 24 febbraio 2019 Fattura elettronica e consumatore finale
domenica 24 febbraio 2019 Cedolare secca e negozi
domenica 24 febbraio 2019 Deducibilità Imu immobili strumentali
Vai all'archivio

Link