> >

Regime dei minimi esteso a coloro che hanno cominciato nel 2015

  • di Luigi Mondardini

    Via libera al regime dei minimi per chi non ha potuto aderirvi al momento dell'apertura della partita Iva.

    Per chi ora voglia accedervi l'Agenzia spiega come procedere: l'opzione andrà fatta direttamente nel modello Unico 2016 (periodo d'imposta 2015) e dovranno essere apportate le modifiche agli eventuali documenti emessi con Iva, entro determinate scadenze. 
     
    I contribuenti che hanno intrapreso un'attività a inizio 2015, e dovevano scegliere il regime fiscale più conveniente, avevano due possibilità:
     
    -    regime ordinario (eventualmente optando per la contabilità semplificata); 
    -  regime forfetario (articolo 1, commi 54 e seguenti, della legge 190 del 23 dicembre 2014).
     
    La Legge di stabilità 2015 aveva abrogato i regimi agevolati in vigore fino al 31.12.2014:
    - regime delle nuove iniziative, 
    - regime dei minimi - detto anche regime di vantaggio per l'imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità,
    - regime contabile agevolato o detto anche ex minimi
     sostituendoli con il nuovo regime forfetario .
     
    L'unica eccezione era stata prevista per i soggetti che al 31.12.2014 si trovavano già nel regime dei minimi, essi potevano continuare in tale regime fino alla scadenza naturale. 
     
    Molti infatti, avevano preferito aprire anticipatamente l'attività a fine 2014, anziché nel 2015, per poter fruire del regime dei minimi -nella maggior parte dei casi più conveniente rispetto a quello forfetario .
     
    Successivamente il decreto Milleproroghe entrato in vigore il 1° marzo 2015, ha prorogato per tutto il 2015 il regime dei minimi.
    Di fatto quindi, coloro che si trovavano ad aprire un'attività dal 1° marzo 2015 fino al 31.12.2015, avevano la possibilità di scegliere tra tre regimi:
    1. regime ordinario (eventualmente optando per la contabilità semplificata);
    2. regime forfetario;
    3. regime dei minimi.
    Chi ha iniziato l'attività tra il 1° gennaio 2015 ed il 28 febbraio 2015 ha potuto scegliere il proprio regime fiscale fra due alternative (regime ordinario o forfetario) anziché tre, come chi invece si è trovato ad aprire la partita Iva dal 1° marzo in poi, e senza sapere che si sarebbe riaperta la possibilità di accedere ai minimi.
     
    L'Agenzia delle Entrate con un parere in merito ha quindi spiegato che: 
     
    - l'opzione per il regime dei minimi che non è stato possibile effettuare con il modello di inizio attività modello A/7 (in quanto al momento dell'apertura dell'inizio attività il regime era abrogato) potrà essere disposta con la dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2015 (UNICO 2016), allegando il modello relativo alle opzioni predisposto per la dichiarazione Iva; 
    - entro 30 giorni dalla data di pubblicazione della Risoluzione (quindi entro il 22 agosto) o eventualmente entro la liquidazione Iva successiva, se la stessa cade dopo tale termine, il contribuente può apportare le rettifiche degli eventuali documenti emessi con Iva (nota di variazione per le operazioni attive e variazioni in aumento dell'Iva sugli acquisti detratti).
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link