> >

Nuovo regime fiscale: sconto contributi ma non per tutti

  • di Luigi Mondardini

    Il nuovo regime fiscale agevolato consente di calcolare i contributi previdenziali in base al reddito dichiarato.

    La misura si applicherà solo  per imprese e artigiani, ma non per  gli autonomi iscritti alle casse private legate agli ordini professionali; questi ultimi dovranno versare  il contributo soggettivo minimo indipendentemente dal reddito dichiarato.
     
    Per chi  esercita attività d’impresa e gli artigiani  si potrà quindi  non applicare il «livello minimo imponibile»; in altri termini costoro non sono più tenuti al versamento dei contributi minimi il cui pagamento scade il 16 di ogni trimestre. 
     
    Coloro che opteranno per il nuovo  regime agevolato dovranno versare unicamente  il  saldo e i relativi acconti  dei contributi maturati sul reddito dichiarato, da effettuare entro gli stessi termini previsti per il versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi.
     
    Questa modalità di calcolo ( e di versamento) impatterà sul montante contributivo:  se l’imprenditore percepirà un reddito inferiore al minimale contributivo previsto verserà di meno, ma accumulerà, di conseguenza,  un montante contributivo inferiore, non coincidente con l’anno solare e proporzionalmente riducibile in base alla somma effettivamente versata.
     
    Per poter usufruire del nuovo regime contributivo , per coloro che  intraprendono una nuova attività,  occorrerà presentare una specifica comunicazione telematica indirizzata all’Inps al momento dell’apertura della partita Iva ( al momento non ancora disponibile).
     
    Per chi già esercita un'attività di impresa , l'invio del modulo dovrà avvenire entro e non oltre il termine di decadenza del 28 febbraio di ciascun anno in cui si intende aderire al nuovo regime. Il termine è posto in via tassativa:  oltrepassata la scadenza non sarà più possibile aderire ai fini contributivi al nuovo regime, fino al  periodo d’imposta successivo, permanendo i requisiti di accesso.
     
    Il regime agevolato per i contributi è  ovviamente agganciato a quello pevisto per  per redditi e Iva; pertanto qualora venissero meno le condizioni previste per l’accesso al regime dei nuovi minimi, ciò comporterebbe anche la decadenza dal regime di favore ai fini contributivi.
     
    Va peraltro precisato che le due forme agevolative (redditi e contributi) possono anche essere tenute separate.  Pur avendone i diritti sotto il profilo dei redditi e dell’Iva, il contribuente potrebbe anche non optare ai fini contributivi per il regime di favore.
     
    In ogni caso la cessazione obbliga dall’anno successivo al passaggio al sistema contributivo ordinario, ed inoltre la definitiva impossibilità di fruire nuovamente del regime agevolato ai fini previdenziali, qualora il contribuente in futuro si riallinei con i requisiti richiesti ai fini Iva e dei redditi.
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link