> >

Anche per il 2015 prorogato il regime dei minimi (5%)

  • di Luigi Mondardini

    Il Ddl. di conversione del “Milleproroghe” (DL 192/2014) estende anche al 2015 il regime dei minimi.

    Si ricorda che in conseguenza dell’approvazione del nuovo regime fiscale agevolato per autonomi ad opera della legge di stabilità 2015 (L. 190/2014) sono stati abrogati:
     
    - il regime delle nuove iniziative produttive (applicabile per il primo triennio di attività, tassazione del reddito con imposta sostitutiva al 10%); 
     
    - il regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile (utilizzabile per i primi cinque anni dall’inizio dell’attività, oppure anche oltre, fino ai 35 anni di età, tassazione del reddito con imposta sostitutiva al 5%); 
     
    - il regime agevolato per gli “ex minimi” (utilizzabile da coloro che non potevano più utilizzare il regime di vantaggio, tassazione ordinaria del reddito con talune semplificazioni contabili).
     
    Per effetto della predetta abrogazione dal 2015, gli unici regimi applicabili risultavano essere il regime ordinario (in contabilità ordinaria o semplificata) e il nuovo regime per autonomi.
     
    L’ unica eccezione era prevista per il regime  di vantaggio per l’imprenditoria giovanile che poteva continuare ad essere applicato in via transitoria e fino a scadenza naturale , ossia  per 5 anni, oppure anche oltre, fino ai 35 anni di età,  dai soggetti che già lo applicavano nel 2014 , fermo  restando salva la possibilità di scegliere l’applicazione del nuovo regime.
     
    La questione viene ora reimpostata durante l’iter di conversione in legge del Milleproroghe mediante l’inserimento di una disposizione che  proroga il regime di vantaggio per i soggetti che, avendone i requisiti, decidono di avvalersene, consentendone la relativa scelta nel corso dell’anno 2015.
     
    Pertanto l’applicazione del regime dei minimi  viene estesa in misura piena anche  nel 2015.
     
    In pratica, tale  regime  può , non solo continuare ad essere applicato dai soggetti che già lo utilizzavano nel 2014 come prevedeva la legge di stabilità, ma anche scelto per la prima volta dai soggetti che avviano una nuova attività nel 2015.
     
    La situazione che si configura nel 2015, a seguito della conversione del decreto, è quindi la seguente:
     
     - applicabilità piena , per inizio attività e attività in corso,  dei regimi ordinario, fiscale agevolato per autonomi ex L. 190/2014 e di vantaggio per l’imprenditoria giovanile ex DL 98/2011; 
     
    - conferma dell’abrogazione del regime delle nuove iniziative produttive ex L. 388/2000 e del regime degli “ex minimi” ex DL 98/2011.
     
    Entrambi i regimi e cioè di vantaggio e forfetario per autonomi,  erano stati pensati come regimi naturali.
    Pertanto, verificato il possesso dei necessari requisiti – tra l’altro, parzialmente sovrapponibili – gli stessi sono immediatamente applicabili senza necessità di esercitare alcuna opzione espressa.
     
    L’Agenzia delle Entrate richiede peraltro di segnalarne l’utilizzo nel modello AA9/11, in caso di inizio dell’attività, oppure nella dichiarazione IVA – rigo VA14, per le attività in corso.
     
    E’ importante in ogni caso  tenere da subito un “comportamento concludente” in linea con le disposizioni del regime scelto per cui, a titolo esemplificativo, non andrà addebitata l’IVA a titolo di rivalsa e andranno adeguati, a seconda del regime applicato, i riferimenti normativi nelle annotazioni da riportare in fattura ai fini dell’esclusione dall’imposta, in aggiunta a quelli per l’esonero dall’assoggettamento alle ritenute d’acconto.
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link