> >

Dal 2015 Forfettario con imposta al 15%

  • di Luigi Mondardini

    Nel nuovo regime forfetario il reddito è assoggettato a un’imposta sostitutiva pari al 15%.

    Il reddito  non concorre  alla formazione di quello complessivo; in tal modo  si possono avere riduzioni dell’imposta da pagare.
    In particolare se il contribuente consegue anche altri redditi che,altrimenti, andrebbero a  sommarsi al reddito complessivo determinando un innalzamento dell’aliquota Irpef da applicare.
     
    Al tempo stesso , la mancata concorrenza del reddito d’impresa alla formazione del reddito complessivo comporta  la perdita della detrazione d’imposta e della deduzione degli oneri generali,in mancanza di altri redditi.
     
    L’aliquota dell’imposta sostitutiva sarà pari al 15% rispetto al 5% previsto per il  “vecchio” regime dei minimi, con un incremento di 10 punti percentuali.
     
    Come per il regime dei minimi, si tratta di un’imposta sostitutiva che va a surrogare l’imposta sui redditi, le addizionali regionali e comunali e l’IRAP.
     
    La legge di stabilità 2015 stabilisce che il versamento dell'imposta sostitutiva sia effettuato negli stessi termini e con le medesime modalità previste per il versamento dell'Irpef.
    Si applicano tutte le disposizioni vigenti in materia di versamenti a saldo e in acconto dell'imposta, compensazione e rateazione della stessa.
     
    Pertanto il versamento a saldo dovrà essere effettuato entro il 16.06 di ciascun anno, oppure entro il 16.07 con la maggiorazione dello 0,4%, come stabilito dall'articolo 17 del D.P.R. 435 del 2001.
    Per il versamento dell'acconto dell'imposta sostitutiva (che corrisponde al 100% del debito) andrà effettuato in due rate: la prima 16.06 di ciascun anno (ovvero 16.07 con maggiorazione dello 0,4%), mentre la seconda il 30.11 di ciascun anno nella misura, rispettivamente, del 40% (prima rata) ovvero del 60% (seconda rata).
     
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link