> >

Voluntary disclosure: i soggetti interessati

  • di Luigi Mondardini

    Il testo sulla così detta “ collaborazione volontaria” è stato approvato in via definitiva dal Parlamento .

    Si attende in questi giorni la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
     
    I soggetti attivi della voluntary disclosure sono in prima battuta i soggetti sottoposti agli obblighi di monitoraggio fiscale per le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014.
     
    Stiamo parlando  delle persone fisiche, degli enti non commerciali e delle società semplici. 
     
    Possono accedere alla procedura di collaborazione volontaria anche i titolari effettivi di società ed enti che detengono attivi esteri.
     
    Si ricorda che, ai sensi della normativa antiriciclaggio (art.2 dell’allegato tecnico al D.Lgs. n.231/07) per titolare effettivo di una società si intende la persona fisica che in ultima istanza possieda o controlli un’entità giuridica, attraverso il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale sufficiente delle partecipazio¬ni al capitale sociale o dei diritti di voto in seno a tale entità giuridica, anche tramite azioni al portatore, purché non si tratti di una società ammessa alla quotazione su un mercato regolamentato e sottoposta a obblighi di co¬municazione conformi alla normativa comunitaria o standard internazionali equivalenti. 
     
    Tale criterio si intende soddisfatto ove la percentuale sia superiore al 25% del Capitale sociale.
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020martedì 28 gennaio 2020 ISTAT dicembre 2019Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link