> >

Le comunicazioni relative alle anomalie studi di settore

  • di Luigi Mondardini

    Occorre porre attenzione alle comunicazioni di anomalia sugli studi di settore.

    Nelle comunicazioni inviate , l’ Agenzia ricorda  che se l’anomalia segnalata dovesse essere riscontrata anche nella dichiarazione relativa al periodo d'imposta 2013, la posizione del contribuente sarà inserita in apposite liste dalle quali l’Amministrazione finanziaria selezionerà i soggetti da sottoporre a controllo.
     
    La finalità di queste comunicazioni  è  quella di indurre ad evitare il ripetersi di eventuali comportamenti non corretti, in vista della presentazione del prossimo modello di dichiarazione.
     
    Sono cambiate le modalità di invio delle comunicazioni di anomalia. In   precedenza venivano recapitate direttamente al contribuente, tramite raccomandata oppure all’intermediario che ha trasmesso la dichiarazione, utilizzando il canale Entratel.
     
    Da quest'anno  le comunicazioni non sono più spedite tramite raccomandata al domicilio del contribuente, ma sono “inserite” direttamente nel “Cassetto fiscale” del contribuente. In alternativa il contribuente (a partire da UNICO 2013) può richiedere che l'invio sia effettuato all'intermediario incaricato della trasmissione della dichiarazione.
     
    Per questo bisogna barrare la casella “Invio comunicazione telematica anomalie dati studi di settore all’intermediario” presente nel riquadro “firma della dichiarazione” contenuto nel Frontespizio. Per accettare la scelta del contribuente, l’intermediario a sua volta deve barrare la casella “Ricezione comunicazione telematica anomalie dati studi di settore” inserita nel riquadro “impegno alla presentazione telematica”.
     
    Le comunicazioni inviate nel 2014 riguardano sei macrocategorie (due in più rispetto al 2013): 
     
    - Incoerenze relative alla gestione del magazzino;
    - mancata indicazione del valore dei beni strumentali; 
    - incongruenze nei dati dichiarati nel modello studi di settore, ovvero tra questi e i dati dichiarati nel modello UNICO; 
    - indicatore “incidenza dei costi residuali di gestione sui ricavi/compensi” superiore al doppio della soglia massima;
    - imprese che hanno indicato utili spettanti agli associati in partecipazione con apporto di solo lavoro e non hanno indicato il numero e/o la percentuale di lavoro prestato dagli associati;
    - imprese che hanno indicato spese per la locazione di immobili e hanno omesso di indicare le relative superfici delle unità locali utilizzate.
     
    E' già possibile rispondere alle comunicazioni. Il contribuente o l’intermediario che riceve la comunicazione può inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate i motivi che hanno determinato l'anomalia o le imprecisioni/errori riscontranti nella comunicazione che ritiene opportuni, utilizzando l’apposito software “Comunicazioni anomalie 2014".
     
    L'invio è possibile dal 13 giugno 2014 al 30 maggio 2015.
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020martedì 28 gennaio 2020 ISTAT dicembre 2019Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link