>

Superbonus 110 anche all’unico proprietario

  • di Luigi Mondardini

    Esteso l’ambito di applicazione.

    Dal 1° gennaio 2021 è possibile fruire della maggiore detrazione del 110% anche nel caso in cui l’edificio sia posseduto da un unico proprietario; è però  necessario che l’edificio sia composto da due a quattro unità immobiliari.

    Si tratta delle villette bifamiliari e di  piccoli edifici, stante il predetto limite dimensionale.

    Al fine di fruire della maggiore detrazione del 110% è necessario effettuare almeno uno degli interventi previsti:

    • interventi di isolamento termico (cappotto termico) delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio stesso.
    • La sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale con un impianto centralizzato per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, a condensazione, avente le caratteristiche tecniche indicate.

    Gli interventi precedentemente indicati ,definiti “trainanti” attribuiscono  il diritto a fruire della detrazione del 110% anche gli altri interventi, c.d. trainati, di efficienza energetica  ( art. 14 del D.L. n. 63/2013) , a  “a condizione che siano eseguiti congiuntamente” ai primi.

    La Legge di Bilancio 2021 ha modificato l’art. 119, comma 9, lett a) del D.L. n. 34/2020.

    In particolare, possono effettuare i lavori agevolati, non solo i condomìni, ma anche le persone fisiche “con riferimento agli interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche”.

    La norma prevede un limite dimensionale:

    • il beneficio fiscale è consentito a condizione che l’edificio sia composto da due a quattro unità immobiliari.
    • Si pone quindi il problema di comprendere se tale limite debba o meno essere considerato al netto delle pertinenze. L’Agenzia delle Entrate non si è ancora pronunciata sul punto anche se la soluzione corretta dovrebbe essere di non considerare le pertinenze.

    Il limite massimo delle spese dovrà poi essere determinato come per i condomìni, cioè avendo riguardo al singolo limite moltiplicato per tutte le unità immobiliari, comprese le pertinenze.

    L’edificio posseduto da un unico proprietario, ma composto da due o più unità abitative, non può essere considerato di tipo unifamiliare. Pertanto, le pertinenze determineranno l’incremento del tetto di spesa massimo.

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 gennaio 2021 ISTAT :Indice del mese di DICEMBRE 2020martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link