>

Al 30 novembre terzo invio liquidazioni iva periodiche

  • di Luigi Mondardini

    Imminente la Comunicazione Dati delle Liquidazioni per 3° trimestre 2017.

    In merito all’obbligo di trasmettere la comunicazione, sono previste in caso di errori o omissioni  sanzioni, che vanno da un minimo di 500 euro ad un massimo di 2.000 euro. 
     
    E' comunque possibile sanare inviando successivamente alla scadenza la comunicazione corretta ed i nuovi dati  andranno a sostituirsi a quelli precedentemente trasmessi.
     
    E’ in ogni caso applicabile l'istituto del ravvedimento operoso, variabile  in base al tempo intercorso tra la scadenza originaria di trasmissione ed il ravvedimento stesso.  
     
    Sono esonerati dall’invio:
     
    - i contribuenti minimi e forfettari anche quando pongano in essere acquisti intracomunitari, con conseguente obbligo di versamento dell'imposta.
     
    - Le associazioni che hanno optato, avendone i requisiti, per il regime della L. 398/91 (associazioni sportive dilettantistiche e similari), ancorché introitino somme soggette al versamento IVA forfetizzato. 
     
    - I contribuenti che pongono in essere solo operazioni esenti, salvo che non siano poste in essere , anche occasionalmente,  operazioni imponibili o in caso di acquisto in regime di reverse charge .
     
    I trimestrali compileranno un modulo riportante i valori dell'intero trimestre, mentre i contribuenti mensili  compileranno una Comunicazione contenente tre moduli, relativamente a luglio, agosto e settembre. 
     
    Nel caso in cui non si siano poste in essere operazioni, e non vi sia alcun altro dato da riportare , come, ad esempio, il credito del periodo precedente, la comunicazione può non essere presentata.
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 gennaio 2021 ISTAT :Indice del mese di DICEMBRE 2020martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link