Botta e risposta

lunedì 14 maggio 2018

Il termine temporale di conservazione documenti 730

Chi presenta il 730 precompilato direttamente o tramite il sostituto d'imposta senza modifiche o con modifiche che non incidono sulla determinazione del reddito o dell'imposta non sarà sottoposto a controllo formale sui documenti relativi agli oneri indicati nella dichiarazione (art.36-ter DPR 600/73), forniti all'Agenzia delle Entrate dai soggetti terzi. Su tali dati resta fermo il controllo della sussistenza delle condizioni soggettive che danno diritto alle detrazioni, alle deduzioni e alle agevolazioni quale ad esempio l'effettiva destinazione ad abitazione principale dell'immobile per cui vengono detratti gli interessi passivi relativi al mutuo. Rimane il controllo formale per tutti gli altri dati non comunicati da soggetti terzi . Se si apportano modifiche al 730 precompilato, ricorrendo alla compilazione assistita, eventuali controlli documentali dell’Agenzia avranno ad oggetto esclusivamente i dati aggiunti o rettificati dal contribuente nella fase di compilazione assistita. In merito alla conservazione delle pezze giustificative, il contribuente è tenuto a conservare tutte le pezze giustificative per mettersi a riparo da eventuali accertamenti successivi posti in essere dall’Amministrazione finanziaria. Prima delle Legge di Stabilità 2016, i termini per l’accertamento erano fissati a 31 dicembre del 4° anno successivo quello di presentazione della dichiarazione (raddoppiabili in caso di violazioni penali). In seguito alle modifiche, si è passati al 31 dicembre del 5° anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione. Per la dichiarazione presentata nei termini ordinari (Modello Redditi /2018 e Modello 730/2018) riferita al 2017, il termine per l’accertamento sarà il 31 dicembre del 5° anno successivo, ossia il 31/12/2023. È peraltro consigliato andare oltre tale data per i documenti relativi a spese collegati a benefici fiscali più lunghi; basti pensare agli interventi di ristrutturazione edilizia la cui detrazione si ha in 10 quote annuali di pari importo.

Novità flash

martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 mercoledì 10 maggio 2017 Liquidazioni IVA : verso una mini prorogaVai all'archivio

Link