Botta e risposta

venerdì 08 febbraio 2019

Carburante: targa veicolo

Come già chiarito nella Circolare 30.4.2018, n. 8/E (punto 1.1), con specifico riferimento alle cessioni di carburante, gli artt. 21 e 21-bis, DPR n. 633/72 non individuano tra gli elementi da indicare obbligatoriamente la targa o altro estremo identificativo del veicolo, come invece previsto per la “scheda carburante”. Ne deriva che, ai fini IVA, dall’1.1.2019 la targa non dovrà necessariamente essere riportata nelle fatture elettroniche, ferma restando la possibilità di inserire tale elemento (laddove utile ai fini di altre imposte) nel campo “AltriDatiGestionali”. Come specificato dall’Agenzia delle Dogane nella Nota 7.6.2018, n. 64837/RU, la necessità di indicare la targa del veicolo oggetto del rifornimento interessa gli autotrasportatori che intendono fruire dell’agevolazione c.d. “caro petrolio” . Si pensi inoltre ad un’impresa che impiega per l’esercizio dell’attività una serie di furgoni / autocarri e alcune autovetture: l’indicazione della targa del veicolo può essere utile al fine di definire il regime fiscale applicabile ai relativi importi (deducibilità integrale / limitata).

Novità flash

giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link