Botta e risposta

lunedì 04 gennaio 2016

Impresa individuale: estromissione degli immobili

L’imprenditore individuale può estromettere dal regime d’impresa gli immobili strumentali posseduti, assolvendo sulla differenza tra il valore normale degli im¬mobili e il loro costo fiscalmente riconosciuto un’imposta sostitutiva dell’8%. Per determinare tali plusvalenze è possibile utilizzare, in luogo del valore normale degli immobili, il loro valore catastale; le agevolazioni non vengono meno se il valore normale (o il valore catastale) sono inferiori al costo fisca¬le, non essendovi quindi necessità di assolvere l’imposta sostitutiva. L’IVA, se dovuta, deve essere assolta nei modi (e nei termini) ordinari, an¬che se nella maggior parte dei casi il regime naturale dell’operazione è l’esenzione. Non sono dovute le imposte di registro, ipotecaria e catastale. L’estromissione deve avvenire entro il 31.5.2016 (senza particolari opzioni da esercitare, ma solo attraverso il comportamento concludente dell’im¬pren¬ditore, ad esempio con apposite annotazioni in contabilità); per effetto dell’estromis¬sione l’immobile si considera posseduto dalla persona fisica in qualità di “privato” non imprenditore dall’1.1.2016. L’imposta sostitutiva dell’8% deve essere assolta: • per il 60% entro il 30.11.2016; • per il rimanente 40% entro il 16.6.2017. È possibile utilizzare in compensazione altri tributi e contributi nel modello F24 per ridurre (o azzerare) gli importi a debito.

Novità flash

giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link