>

Versamenti imposte: nuovo calendario

  • di Luigi Mondardini

    Convertito alla Camera il Ddl di conversione del Decreto Crescita.

    Rideterminato il calendario dei versamenti.

     

    Il termine del 1° luglio ( con possibilità di giovarsi dei 30 giorni in più, e quindi versare al 31 luglio, con la corresponsione dello 0,4% aggiuntivo) riguarda:

     
    - privati , che non hanno una  posizione IVA e non detengono partecipazioni in soggetti per i quali siano stati approvati gli ISA. Si considerano “privati” anche gli agricoltori che determinano il reddito in base al reddito agrario.

     

    - coloro  che esercitano attività di impresa o professionale per i  quali gli ISA non sono stati approvati .

     

    - i soggetti che, seppure esercitando attività il cui codice rientra negli ISA, hanno superato  il limite dei ricavi di 5.164.569 euro.


    Il nuovo termine del 30 settembre , che concerne imposte e contributi risultanti da Redditi e IRAP, riguarda:

     

    - tutti i titolari di partita IVA che esercitano attività per la quale sono stati approvati gli ISA (ditte individuali, società);

     

    - coloro che  detengono partecipazioni (soci, collaboratori familiari, soci di società di capitale trasparenti) in soggetti per i quali sono stati approvati gli ISA.

     

    Salvo diverse indicazioni future, vengono coinvolti tutti i versamenti che sono legati alla scadenza di Redditi, quali il diritto annuale CCIAA.

     

    Problema: le scadenze per le  casse professionali; occorrerà verificare, per ciascuna cassa, come il nuovo termine di versamento legato agli ISA sarà accolto e gestito.


    Forfettari e minimi: dovrebbero rientrare nella proroga ( si attende conferma) .  Infatti solo per coloro che hanno  conseguito  ricavi superiori alla soglia di applicazione ISA è prevista l’esclusione.

     

    Anche nel caso di altre cause di esclusione ISA, quali l’inizio e la cessata attività, il DL crescita non fornisce indicazioni specifiche.

     

    Versamenti : i  soggetti che si giovano dello slittamento dei versamenti al 30 settembre a seguito di ISA, verseranno al 30 settembre senza corresponsione dello 0,4% e potranno rateizzare in tre rate ( titolare di partita IVA: 30/09 – 16/10 – 18/11, non  titolare di partita IVA: 30/09 – 31/10 – 2/12).

    Infine si ricorda che i redditi e l’IRAP saranno da trasmettersi entro il 30 novembre; in caso di periodo non coincidente all’anno solare, si passa dal nono all’undicesimo mese successivo.


     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link