>

Stabilità 2017: spese scolastiche detrazione a 640 euro

  • di Luigi Mondardini

    Viene alzato a 640 euro l'importo su cui calcolare la detrazione per le spese scolastiche nel 2016

    Il disegno di Legge della stabilità 2017 aumenta l'importo delle spese scolastiche detraibili nella dichiarazione dei redditi.

    In particolare, nei prossimi 3 anni la detrazione al 19% sulle spese per la frequenza scolastica arriveranno fino a 152 euro per alunno.

    Si prevede  per le famiglie un aumento della spesa detraibile in riferimento alle rette di frequenza di scuole paritarie di ogni ordine, che passano da 400 euro a 640 euro per l’anno 2016, 750 euro per l’anno 2017 , 800 euro a partire dall’anno 2018.

    Le spese detraibili sono quelle relative alle scuole dell’infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado.

    Sono detraibili le spese sostenute per : le tasse, i contributi obbligatori o volontari,le erogazioni liberali deliberati dagli istituti scolastici e finalizzati alla frequenza scolastica. 

    In base a quanto chiarito nella Risoluzione del 05.08.2016 tra le spese per la frequenza rientrano la tassa di iscrizione o frequenza e la spesa per la mensa scolastica, anche quando il servizio è reso dal Comune o da altri soggetti, compresa l’assistenza al pasto e il pre e post scuola.

    È escluso, invece, lo scuolabus, così come l’acquisto di cancelleria e testi per la scuola secondaria.

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020martedì 28 gennaio 2020 ISTAT dicembre 2019Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link