> > >

Spesometro anche per i medici prossime scadenze 10 e 20 aprile

  • di Luigi Mondardini

    Per i contribuenti mensili, spesometro entro il 10 aprile, 20 aprile per gli altri soggetti.

    L'omessa trasmissione della comunicazione (o l'invio della stessa con dati incompleti o non corrispondenti al vero) comporta l'applicazione della sanzione amministrativa da un minimo di 258 a un massimo di 2.065 euro.
     
    La scadenza del 30 aprile riguarda invece gli operatori finanziari tenuti a comunicare gli acquisti di importo pari o superiore a 3.600 euro effettuati da consumatori finali con carta di credito, di debito o prepagata.
     
    Questo adempimento riguarda anche la categoria dei medici. Il  medico puo’ riscuotere compensi per prestazioni rese in regime di convenzione con il S.S.N.  o in libera professione
     
    Per le prestazioni in regime di convenzione spesso è la stessa struttura sanitaria che emette il documento riepilogativo; indipendentemente dalle modalità o dalla denominazione del documento e cioè sia che si tratti di fattura, ricevuta,parcella o altro l’obbligo di indicazione nello spesometro rimane in quanto trattasi di operazione rilevante ai fini Iva. 
     
    La Ris. n. 501679 del 23 settembre 1975, ha assimilato i fogli di liquidazione delle competenze mensili rilasciati dalle Asl ai medici di base in tutto e per tutto alle fatture.
     
    Di solito , per chi opera  in regime di convenzione con il servizio sanitario,  gli importi delle prestazioni sono rilevanti e quindi andranno sempre indicati nella comunicazione spesometro, magari in forma aggregata.
    Colui che esercita la sua attività anche o solo in libera professione ed emette ricevute o fatture inferiori a 300 euro, puo’ per semplificare l’adempimento, avvalendosi della  registrazione tramite il riepilogo delle fatture mensile. In questo modo potrà evitare di indicare tutte le fatture/ricevute nello spesometro con una semplificazione notevole.
     
    Per poter fare il riepilogo ed  indicare le fatture nel modello polivalente, per fatture di importo inferiore a 300 euro, nel  documento riepilogativo  devono essere indicati:
     
    i numeri delle fatture/ricevute cui si riferisce; 
    l’ammontare complessivo imponibile delle operazioni;
    l’ammontare dell’imposta distinto per aliquota applicata.
    Nel caso della professione medica ,  essendo le operazioni  esenti,  questa voce di regola non ci sarà.
     
    Ai delle imposte dirette, la Ris. n.80/E del 24 luglio 2012, suggerisce di indicare nei documenti riepilogativi solo le fatture incassate, lasciando invece la registrazione analitica per le fatture non riscosse. Questo per poter agevolmente rilevare a fine anno anche il dato ai fini delle imposte dirette, che per i professionisti prevedere il criterio di cassa.
     
    Con questa modalità il medico si ritroverà, per tutte le fatture/ricevute emesse inferiori a 300 euro, dodici documenti riepilogativi che dovrà indicare in forma aggregata nel quadro FA barrando la casella documento riepilogativo e indicando nella casella il numero Operazioni attive aggregate, cioè i 12 riepiloghi predisposti. L’importo totale delle operazioni andrà invece indicato nella casella 7.
     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link