>

Sospensione processuale

  • di Luigi Mondardini

    Circolare n. 6/E del 23 marzo.

    Forniti i chiarimenti sugli effetti della sospensione per quanto riguarda le  attività di controllo e quelle processuali degli Uffici.


    Sono previste:

     

    • la sospensione dei termini relativi alle “attività di liquidazione, di controllo, di accertamento, di riscossione e di contenzioso degli Uffici”;

     

    • la generale sospensione dei termini processuali di impugnazione dal 9 marzo al 15 aprile 2020; pertanto  per gli avvisi di accertamento notificati prima del 9 marzo - e il cui termine di impugnazione era pendente a tale data - il termine per proporre ricorso resta sospeso per 38 giorni e riprenderà dal 16 aprile. Per gli avvisi eventualmente notificati tra il 9 marzo e il 15 aprile l’inizio del decorso del termine di impugnazione è differito alla fine del periodo di sospensione.


    Dal punto di vista dei versamenti, nessuna sospensione è prevista per il versamento (in unica soluzione o della prima rata) degli importi dovuti per il perfezionamento dell’accordo raggiunto in sede accertamento con adesione degli atti impositivi di cui agli artt. 8 e 9 del D. lgs. 19 giugno 1997, n. 218.

     
    In caso di accertamento con adesione presentata dal contribuente a seguito  della notifica dell’avviso di accertamento (ex art. 6, co. 2, D.Lgs. 218/97), all’ordinario termine di impugnazione di 60 giorni si cumulano la sospensione “per un periodo di novanta giorni dalla data di presentazione dell’istanza del contribuente” prevista dal terzo comma del citato articolo 6 D. Lgs. 218/97 e la sospensione di 38 giorni regolamentata dall’art. 83 del Decreto legge “Cura Italia”.


     

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020martedì 28 gennaio 2020 ISTAT dicembre 2019lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019Vai all'archivio

    Link