>

Si parte con lo “scontrino commerciale”.

  • di Luigi Mondardini

    Dal 1° luglio prende avvio la trasmissione telematica dei corrispettivi.

    Escono di scena scontrino e la ricevuta fiscale. In ogni caso i contribuenti interessati dovranno una documentazione “non fiscale” qualora l’acquirente non chieda l’emissione della fattura elettronica .

    I vecchi scontrini e ricevute fiscali, dal 1° luglio  saranno sostituiti da un nuovo documento commerciale rilasciato in formato cartaceo o digitale con  valenza ai fini civilistici costituendo il titolo per l’esercizio del diritto di garanzia contro i vizi dei beni venduti.

    Inoltre il nuovo scontrino vale come documento di trasporto o altro documento idoneo ad identificare i soggetti tra cui l’operazione è stata posta in essere. In buona sostanza è in grado di sostituire l’emissione del documento di trasporto

    Il documento deve indicare:

    -  le informazioni riguardanti la data e l’ora di emissione; il numero progressivo;

    - la ditta; la denominazione o ragione sociale;

    - nome e cognome dell’emittente; il numero di partita Iva dell’emittente;  l’ubicazione dell’esercizio;

    -la descrizione dei beni ceduti o dei servizi resi;  

    - l’ammontare del corrispettivo complessivo e di quello pagato.

    - l’aliquota Iva e l’ammontare della relativa imposta.

    Il nuovo documento può assumere anche “ valenza fiscale”  , se ciò viene richiesto dal cliente; in questo caso dovrà essere comunicato al cedente il proprio codice fiscale o il numero di partita Iva.

    In tal modo l’acquirente potrà portare in deduzione le spese sostenute per l’acquisto di beni e servizi ai fini delle imposte sui redditi, nonché far valere le deduzioni e detrazioni degli oneri ai fini IRPEF.

    Si ricorda che il Decreto crescita” ( in fase di conversione definitiva in legge) prevede un maggior termine entro cui trasmettere i corrispettivi giornalieri all’Agenzia delle entrate:

    • vale a dire entro dodici giorni dall’effettuazione dell’operazione, determinata ai sensi dell’art. 6 del D.P.R. n. 633/1972.  La disciplina è stata così uniformata all’obbligo di trasmissione della fattura elettronica al Sistema di interscambio.

    Fissata anche una “ moratoria delle sanzioni”:

    • nel primo semestre  non saranno applicabili le relative sanzioni nel caso in cui i corrispettivi giornalieri vengano trasmessi entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

    Così ad esempio i corrispettivi di agosto potranno essere trasmessi entro il 30 settembre; ciò però non significa uno slittamento degli ordinari termini di liquidazione. E’ possibile in sostanza inviare anche in ritardo, ma senza differire il versamento dell’IVA dovuta.

     

     

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link