>

Risorse per il Bonus alberghi

  • di Luigi Mondardini

    La legge di bilancio 2017 inserisce risorse per il bonus alberghi.

    Si tratta di agevolazioni e sconti fiscali per le aziende del turismo che investono in favore di strutture ricettive più competitive. 
    Le risorse che dovrebbero essere stanziate per la misura sono pari a: 60 milioni di euro per il 2018; 120 milioni di euro per il 2019; 60 milioni di euro per il 2020.
     
    Novità:
    - il  credito d’imposta per la riqualificazione delle strutture turistiche alberghiere passa dal 30% al 65%;
    - viene previsto un allungamento del periodo di applicazione della stessa fino al 2018;
    - viene ampliata la platea dei beneficiari: sono ammesse le aziende agrituristiche.
     
    Altra importante novità:
    - la possibilità del recupero veloce del bonus , potendolo ripartire in  due quote annuali anziché tre.
     
    Il precedente decreto attribuiva il beneficio, nella misura del 30% per le spese sostenute dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2016, alle imprese alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2012.
     
    Si ricorda che ricadono nell’agevolazione i seguenti interventi: 
     
    - il restauro e il risanamento conservativo; 
    - la ristrutturazione edilizia; 
    - l’eliminazione delle barriere architettoniche; 
    - l’incremento dell’efficienza energetica; 
    - l’acquisto di mobili e componenti d’arredo destinati esclusivamente agli immobili oggetto degli interventi.
     
    Occorre che il  beneficiario non ceda a terzi, né destini a finalità estranee all’esercizio di impresa, i beni oggetto degli investimenti prima del secondo periodo d’imposta successivo.
     
    Le imprese interessate dovranno presentare al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo apposita domanda per il riconoscimento del credito d’imposta.
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link