>

Regime forfettario: cause ostative

  • di Luigi Mondardini

    Le prestazioni verso l’ex datore di lavoro

    La verifica dovrà essere effettuata nello stesso periodo di imposta durante il quale si applica il regime forfetario.

    La prevalenza dell’attività verso l’ex datore di lavoro effettuate nei  due precedenti periodi di imposta andrà verificata a fine dell’anno.

    Potrebbe verificarsi infatti  che proprio alla fine dell’anno il contribuente incassi un compenso da un  soggetto diverso dall’ex datore di lavoro. In questo caso la causa ostativa non risulterebbe verificata.

    Al 1° gennaio 2019 non può, però, essere effettuata alcuna verifica in quanto la condizione della prevalenza dell’attività verso l’ex datore di lavoro deve essere riscontrata al termine del periodo di imposta 2019.

    Se la verifica fornisse un esito positivo il contribuente dovrebbe teoricamente uscire dal regime forfetario dall’anno successivo, quindi dal 1° gennaio 2020.

    L’art. 1, comma 71 della Legge n. 190/2014 prevede che “Il regime forfetario cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo a quello in cui … si verifica taluna delle fattispecie indicate nel comma 57”.

    Quindi il contribuente dovrebbe uscire dal forfait con decorrenza dal 1° gennaio 2020.

     

     

    .

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT DicembreVai all'archivio

    Quesito del giorno

    sabato 30 marzo 2019 Welfare aziendale: esempi
    giovedì 07 marzo 2019 Turisti UE/extra: contante a 15.000 Euro.
    domenica 24 febbraio 2019 Fattura elettronica e consumatore finale
    domenica 24 febbraio 2019 Cedolare secca e negozi
    domenica 24 febbraio 2019 Deducibilità Imu immobili strumentali
    Vai all'archivio

    Link