>

Reati tributari e sanzioni

  • di Luigi Mondardini

    Norma di riferimento: D.lgs. 74/2000 rivisitato dal D.lgs. 24/9/ 2015 n. 158.

    1) Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (art. 2 D.Lgs. 74/2000).
     
    E’ l’ipotesi  delittuosa dove  dichiarazione, oltre ad essere non veritiera, risulti  sorretta da un impianto contabile o documentale di comodo in grado di sviare o intralciare la successiva attività di accertamento da parte dell’Amministrazione finanziaria. 
     
    È il delitto più grave per il quale è prevista la   pena della reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni.
     
    Per la consumazione del delitto in questione è necessario che i documenti o le fatture usate fraudolentemente siano registrati nelle scritture contabili obbligatorie ovvero detenuti ai fini di prova nei confronti dell’Amministrazione finanziaria.
     
    2) Dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici (art. 3 D.lgs. 74/2000) ricorre quando ,  al fine di evadere l’Iva o l’imposta sui redditi, nelle dichiarazioni relative a tali imposte, vengano indicati elementi attivi per un elemento inferiore a quello effettivo ovvero elementi passivi fittizi o crediti e ritenute fittizi. 
     
    Occorre peraltro che si superino determinate soglie: l’imposta evasa, sia essa a titolo di Irpef o di Iva, deve essere superiore a 30.000 euro; inoltre l’ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all’imposizione, anche mediante l’indicazione di elementi passivi fittizi, sia superiore al 5% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione o, in ogni caso, superiore a 1.500.000 euro, ovvero, qualora l’ammontare complessivo dei crediti e delle ritenute fittizie sia superiore al 5% dell’imposta medesima o comunque a 30.000 euro.
     
    La fraudolenza dichiarativa, propria dei soggetti obbligati alla tenuta della contabilità , richiede  una falsa rappresentazione delle scritture contabili ovvero di essersi avvalsi di documenti o altri mezzi fraudolenti idonei ad ostacolare l’accertamento.
    La pena è, anche in tal caso, la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni. 
     
    3) Dichiarazione infedele (art. 4 D.lgs. 74/2000) è un delitto che  può essere commesso anche dai soggetti non obbligati alla tenuta delle scritture contabili e si consuma quando, al fine di evadere l’Iva o le imposte sui redditi, in una delle dichiarazioni relative a tali imposte, siano indicati elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo o elementi passivi inesistenti.
     
    E’ necessario che l’imposta evasa sia superiore a 150.000 euro; l’ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all’imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi inesistenti, sia superiore al 10% dell’ammontare degli elementi attivi indicati o comunque superiore a 3.000.000 euro.
     
    È  prevista una  pena della reclusione da uno a tre anni. 
     
    4) Omessa dichiarazione (art. 5 D.lgs. 74/2000): viene  sanzionato il comportamento di chi, al fine di evadere l’Iva o l’imposta sui redditi, non presenta, pur essendovi obbligato, una delle dichiarazioni relative a dette imposte e l’imposta evasa, con riferimento a ciascuno dei singoli tributi, sia superiore a 50.000 euro.
     
    L’omissione non si verifica quando la dichiarazione venga presentata entro 90 giorni dalla scadenza del termine ovvero non sia sottoscritta o redatta su uno stampato conforme.
     
    La pena prevista è la reclusione da un anno e 6 mesi a 4 anni.
     
    Sottocategoria a cui si applica la medesima pena è l’omessa dichiarazione del sostituto d’imposta quando l’ammontare delle ritenute non versate sia superiore a 50.000 euro. 
     
    5) Emissione di documenti per operazioni inesistenti (art. 8 D.lgs. 74/2000): il  delitto si consuma quando un soggetto, pur di consentire a terzi l’evasione dell’imposta, emetta documenti relativi ad operazioni inesistenti. 
     
    In tal caso è previsto il “cumulo giuridico” ovvero il compimento di un solo reato anche di fronte a l’emissione di più documenti falsi a diversi soggetti nel medesimo periodo d’imposta.
     
    La pena è la reclusione da un anno a 6 mesi a 6 anni. 
     
    6) Occultamento o distruzione di documenti contabili (art. 10 D.lgs. 74/2000): la  distruzione, totale o parziale, di documenti o scritture contabili di cui si è obbligati alla conservazione per legge, qualora impedisca la ricostruzione dei redditi, è punita con la reclusione da un anno e 6 mesi a 6 anni. 
     
    7) Omesso versamento IVA (art. 10 ter D.lgs. 74/2000): nel  caso in cui si ometta il versamento dell’Iva dovuta in base alla dichiarazione annuale per un ammontare superiore a 250.000 euro per ciascun periodo d’imposta, entro il termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo d’imposta successivo, la pena è la reclusione da 6 mesi a 2 anni.
     
    8) Indebita compensazione (art. 10 quater D.lgs. 74/2000): il  delitto in questione è punito differentemente a seconda della tipologia del credito utilizzato indebitamente in compensazione dell’imposta dovuta: se non spettante e superiore a 50.000 euro la pena è la reclusione da 6 mesi a 2 anni; se inesistente e superiore a 50.000 euro la pena è la reclusione da un anno e 6 mesi a 6 anni. 
     
    9) Sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte (art. 11 D.lgs. 74/2000). È prevista la pena della reclusione da 6 mesi a 4 anni per coloro che, al fine di non pagare le imposte sui redditi, gli interessi e le eventuali sanzioni, per un importo complessivo superiore a 50.000 euro, compiano atti fraudolenti su beni propri o altrui, idonei a rendere inattiva la procedura di riscossione coattiva. 
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link