>

Rateazione: riammissione possibile

  • di Luigi Mondardini

    La Circolare 13/E l’Agenzia delle Entrate precisa le istruzioni in merito.

    Sono ammessi al beneficio della rateazione  i contribuenti che nei trentasei mesi antecedenti il 15 ottobre 2015, sono decaduti da precedenti piani di dilazione.

    Sono rateazioni che possono essere state concesse in seguito :

    -         all’adesione ad avvisi di accertamento

    -         a processi verbali di constatazione

    -         all’invito a comparire

    -         o hanno espresso acquiescenza all’atto di accertamento.

     
    Per essere riammessi al beneficio della rateazione non è  necessario compilare alcun modulo né istanza.

    Occorre inviare entro 10 giorni successivi al pagamento, da  perfezionarsi entro il 31 maggio, la ricevuta dello stesso. La trasmissione può avvenire mediante consegna diretta presso l’Ufficio, oppure, per posta elettronica ordinaria o certificata.

    Occorre  compilare il Modello F24 utilizzando i medesimi codici tributo adoperati per i versamenti delle rate del precedente piano di rateazione.

    Il mancato invio di tale documento entro tale data ( ove il pagamento sia stato comunque effettuato entro il termine), non pregiudica la validità della procedura.

    Tuttavia non si perfeziona la stessa in quanto l’ufficio competente potrà procedere alla sospensione dei  carichi eventualmente iscritti a ruolo ed elaborare un nuovo piano di ammortamento, ma solo a  seguito del ricevimento  della quietanza di pagamento.

     

    La circolare  precisa che:

    -         la rata da versare per essere riammessi alla nuova dilazione, deve essere la “prima delle rate scadute”.

    Si tratta della rata  dell’originario piano di rateazione il cui omesso/carente versamento ha determinato la decadenza dalla rateazione. In pratica la  rata, diversa dalla prima, per la quale non risulta effettuato il versamento alla scadenza ordinaria e neppure entro il termine di pagamento della rata successiva.

    Il contribuente può essere riammesso alla rateazione se effettua il versamento della suddetta rata entro il 31 maggio 2016.

    Si ricorda che in materia di rateazione dell’accertamento con adesione  è stato esteso il numero massimo di rate , per importi superiori a € 50.000,00.

    Ora , in virtù del  D.Lgs. 159/2015,  la dilazione può essere effettuata in 16 rate trimestrali, rispetto alle 12 rate della precedente disciplina.

    Resta peraltro invariato il numero di rate trimestrali, fissato in 8 rate, ove le somme dovute siano d’importo inferiore a € 50.000,00.


     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link