>

Proroga anche per Minimi e forfettari

  • di Luigi Mondardini

    Risoluzione 64/E del 28 giugno 2019.

    L’Agenzia finalmente fornisce gli attesi chiarimenti  che prevedono  lo slittamento del termine di versamento delle imposte dal 30 giugno al 30 settembre 2019 per i soggetti ISA.


    L’Agenzia precisa che la proroga  al 30 settembre 2019 dei termini dei versamenti per i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli ISA, si riferisce a tutti i contribuenti che, contestualmente, esercitano, in forma di impresa o di lavoro autonomo, tali attività prescindendo dal fatto che gli stessi applichino o meno gli ISA; inoltre dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun ISA, dal relativo decreto ministeriale di approvazione.

     

    In altri termini:

     

    • se l’attività esercitata rientra in quelle per le quali è stato approvato l’ISA;
    • indipendentemente dal regime contabile adottato ;
    • i versamenti potranno essere effettuati entro il 30 settembre 2019, in assenza di maggiorazioni, e ciò vale anche se l’ISA, di fatto, non è applicabile o - come nel caso di minimi e forfettari - non sia nemmeno da compilare.
       

     

    Quanto sopra con la sola esclusione dei contribuenti che dichiarano ricavi o compensi di ammontare superiore a euro 5.164.569, che dovranno invece rispettare la scadenza ordinaria.



    In conseguenza  di quanto sopra il numero possibile di rate scende significativamente ; saremo di fronte  ad una “maxi rata” al 30 settembre, circostanza questa che potrebbe mettere in difficoltà i contribuenti.

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link