>

Professionisti, prelievi e presunzioni

  • di Luigi Mondardini

    Nessuna rilevanza accertativa ai prelevamenti bancari.

    Ai sensi dell’art. 32, comma 1, n. 2), secondo periodo del DPR 600/1973, l’Ufficio può procedere all’accertamento nei confronti dei contribuenti sulla base dei prelevamenti e versamenti riscontrati sui conti correnti, sempreché questi non ne forniscano adeguata giustificazione.

    La Corte costituzionale, con la pronuncia n. 228/2014, ha stabilito che  il  lavoratore autonomo, rispetto all’imprenditore, mantiene una  specificità che conduce  a ritenere arbitraria l’omogeneità di trattamento prevista dall’art. 32 in relazione alla presunzione relativa ai prelevamenti.

    La Consulta ha stabilito che la presunzione che assiste i prelevamenti non può trovare applicazione verso i soggetti produttori di reddito di lavoro autonomo.

    Infine, con il DL 193/2016 è stata limitata l’operatività delle presunzioni legali derivanti dai prelevamenti bancari non giustificati dei soggetti produttori di reddito d’impresa, con l’introduzione di un limite di 1.000 euro giornalieri, e comunque di 5.000 euro mensili, al di sotto del quale la presunzione non può operare.

    Pertanto  per i produttori di reddito d’impresa la presunzione sui prelevamenti trova applicazione soltanto extra soglia (1.000/5.000 euro).

    Viceversa la Cassazione, con una pluralità di pronunciamenti , l’ultimo dei quali con la pronuncia n. 8266/2018, ha stabilito che:

    • la presunzione legale secondo cui i prelevamenti bancari sono considerati ricavi può essere utilizzata, a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 228/2014, nei confronti dei soli imprenditori, non anche dei lavoratori autonomi. 
    • Le operazioni bancarie di versamento hanno  efficacia presuntiva di maggiore disponibilità reddituale nei confronti di tutti i contribuenti, i quali possono contrastarne l’efficacia solo dimostrando che ne hanno tenuto conto ai fini della determinazione del reddito soggetto a imposta o che non hanno rilevanza allo stesso fine.
    • Con riferimento ai versamenti, in particolare, la presunzione posta a favore dell’Erario, tenuto conto della fonte legale, non necessita dei requisiti di gravità, precisione e concordanza per le presunzioni semplici ed è superabile da prova contraria fornita dal contribuente, il quale deve dimostrare che gli elementi desumibili dalla movimentazione bancaria non sono riferibili a operazioni imponibili, fornendo, a tal fine, una prova non generica, ma analitica, con indicazione specifica della riferibilità di ogni versamento bancario, in modo da dimostrare come ciascuna delle operazioni effettuate sia estranea a fatti imponibili.

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link