>

Prescrizione per le cartelle

  • di Luigi Mondardini

    In mancanza di atti interruttivi si prescrive in cinque anni.

    Lo precisa la Commissione tributaria Regionale della Lombardia (  sentenza n. 1883 del 23/04/2018.)


    Il termine di prescrizione per i crediti tributari è di 5 anni e non  quello più lungo decennale.



    La sentenza è nel solco dei principi statuiti con la sentenza n. 23397/2016 della Sezioni Unite dalla Cassazione con cui è stato sancito che il termine prescrizionale lungo, di cui all'art. 2953 c.c. può legittimamente trovare applicazione solo al decorrere del passaggio in giudicato della sentenza.

     
    In particolare “ ………………………....Il termine decennale si applica soltanto nelle ipotesi in cui intervenga un titolo giudiziale divenuto definitivo, mentre la suddetta cartella, avendo natura di atto amministrativo, è priva dell'attitudine ad acquistare efficacia di giudicato".



    Secondo i giudici lombardi tale principio non può  che trovare applicazione con riguardo a tutti gli atti  di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva di crediti relativi ad entrate dello Stato, e dei vari enti locali e previdenziali per la violazione di norme tributarie o amministrative.



     

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 mercoledì 10 maggio 2017 Liquidazioni IVA : verso una mini prorogaVai all'archivio

    Link