>

Per gli impianti di distribuzione di carburante il credito di imposta

  • di Luigi Mondardini

    Lo prevede l’articolo 1, comma 924, della legge di bilancio 2018.

    Infatti  agli esercenti di impianti di distribuzione di carburante spetta un credito d’imposta, pari al 50% del totale delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate, a partire dal 1° luglio 2018, tramite sistemi di pagamento elettronico mediante carte di credito.

    La disposizione si riferisce “agli esercenti di impianti” in generale  e, dunque, a chiunque, in base ad un legittimo titolo (proprietà, affitto, ecc.), svolge tale attività e sostiene il costo di commissione.

    Pertanto, il credito d’imposta in commento dovrà altresì riconoscersi a tutti gli esercenti di impianti di distribuzione di carburante per le transazioni effettuate, a partire dal 1° luglio 2018, tramite sistemi di pagamento elettronico mediante carte di debito o prepagate.

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    domenica 20 gennaio 2019 Fatture elettroniche/reverse c.
    domenica 20 gennaio 2019 Ristoratore con molte fatture giornaliere
    domenica 20 gennaio 2019 Artigiano: emissione di ricevute fiscali
    venerdì 18 gennaio 2019 Figli a carico, nuovi limiti.
    giovedì 17 gennaio 2019 Condominio e fatture elettroniche
    Vai all'archivio

    Link