>

Omessa dichiarazione e riporto delle perdite

  • di Luigi Mondardini

    L’omissione della dichiarazione non preclude il riporto a nuovo delle perdite.

    In effetti l’art. 84 del TUIR non richiede una serie ininterrotta di dichiarazioni al fine di riportare le perdite.
     
    Tale principio  è stato confermato  nella sentenza n. 4476/1/17 del 30 giugno 2017 dalla Commissione tributaria provinciale di Milano.
     
    Secondo la C.T. Prov. di Milano, salva l’applicazione delle sanzioni per l’omissione dichiarativa, il fatto che il contribuente non abbia presentato  una dichiarazione annuale non compromette l’esistenza, né la riportabilità, delle perdite maturate negli esercizi successivi.
     
    Prevale la sostanza, in questo caso  rappresentata dall’esistenza di perdite già documentate nelle precedenti dichiarazioni e nemmeno contestate dalla parte pubblica.
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT DicembreVai all'archivio

    Quesito del giorno

    sabato 30 marzo 2019 Welfare aziendale: esempi
    giovedì 07 marzo 2019 Turisti UE/extra: contante a 15.000 Euro.
    domenica 24 febbraio 2019 Fattura elettronica e consumatore finale
    domenica 24 febbraio 2019 Cedolare secca e negozi
    domenica 24 febbraio 2019 Deducibilità Imu immobili strumentali
    Vai all'archivio

    Link