>

Novità per i canoni di locazione non percepiti.

  • di Luigi Mondardini

    Previste nel Decreto Crescita.

    Per le locazioni  semplificazioni  per quanto riguarda i canoni non percepiti da parte dei locatori.

    La modifica avrà peraltro effetto per i contratti stipulati a decorrere dal 1° gennaio 2020 .

    L’art.26 c.1 del Tuir , prima della modifica introdotta, prevedeva:

    •  I redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà,.............per il periodo di imposta in cui si è verificato il possesso.
    • I redditi derivanti da contratti di locazione di immobili ad uso abitativo, se non percepiti, non concorrono a formare il reddito dal momento della conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità del conduttore.
    • Per le imposte versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti come da accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità è riconosciuto un credito di imposta di pari ammontare.

    L’art. 26 viene modificato come segue:

    • I redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili a titolo di proprietà,..........,  per il periodo di imposta in cui si è verificato il possesso.
    • I redditi derivanti da contratti di locazione di immobili ad uso abitativo, se non percepiti, non concorrono a formare il reddito purché la mancata percezione sia comprovata dall’intimazione di sfratto per morosità o dall’ingiunzione di pagamento. Ai canoni non riscossi dal locatore nei periodi d’imposta di riferimento e percepiti in periodi d’imposta successivi si applica l’articolo 21 in relazione ai redditi di cui all’articolo 17, comma 1, lettera n-bis). 
    • Per le imposte versate sui canoni venuti a scadenza e non percepiti come da accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità è riconosciuto un credito di imposta di pari ammontare.

    Dunque per i contratti  stipulati entro il 31 dicembre 2019, valgono le regole tuttora in vigore che stabiliscono, per le locazioni ad uso abitativo:

    • l’assoggettamento ad imposta dei canoni, ancorché non percepiti, fino alla risoluzione del contratto;
    • la possibilità di usufruire di un credito d’imposta pari alle imposte versate sui canoni scaduti e non percepiti, come da accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità.

    Il locatore, solo dopo la conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto, potrà:

    • da un lato recuperare la maggiore imposta versata per i canoni di locazione non incassati, ma assoggettati a tassazione negli anni precedenti;
    • non assoggettare a tassazione il canone di affitto non percepito ma solo la rendita catastale rivalutata.

    Il credito è richiesto in sede di presentazione della prima dichiarazione utile, successiva alla convalida di sfratto e comunque non oltre il termine di prescrizione (10 anni).

    Fatta salva la possibilità di presentare  istanza di rimborso entro 10 anni.

    Per determinare il credito d’imposta spettante è necessario calcolare le imposte pagate in più relativamente ai canoni non percepiti riliquidando la dichiarazione dei redditi di ciascuno degli anni per i quali in base all’accertamento avvenuto nell’ambito del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità, sono state pagate maggiori imposte per effetto di canoni di locazione non riscossi.

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link