>

Note spese dei dipendenti e fattura elettronica

  • di Luigi Mondardini

    La gestione delle note spese

    Con l’obbligo della fattura elettronica  aziende e professionisti devono rivedere le  prassi relative alla gestione delle note spese consegnate dai dipendenti in trasferta .

    Aziende o professionisti  rimborsano  le spese ai dipendenti, previa esibizione dei documenti fiscali (scontrini, ricevute fiscali o fatture) comprovanti la spesa sostenuta.

    Al fine di portare in detrazione l’IVA delle spese di vitto e alloggio allegate dai dipendenti alle note spese occorre, oltre all’indicazione del nominativo del dipendente che ha sostenuto la spesa, che quest’ultima venga documentata da fattura e non da scontrino o ricevuta fiscale.

    Per questo motivo ristoranti, bar ed alberghi, saranno chiamati ad emettere le fatture elettroniche anche per piccoli importi.

    Con l’avvento della fattura elettronica  si avrà :

    • Da un lato  l’azienda o il professionista si vedranno recapitare direttamente dal Sistema di Interscambio le fatture elettroniche delle spese sostenute dai dipendenti.
    • Dall’altro il dipendente al fine di vedersi rimborsare le spese dal datore di lavoro sarà quella di annotare nella nota spese il riferimento della fattura elettronica trasmessa o in alternativa quella di allegare l’eventuale copia di cortesia consegnata direttamente dal soggetto emittente, che in ogni caso non avrà alcun valore civilistico o fiscale.

    In tal modo si assicurerà il rimborso al dipendente e consentirà  all’azienda o al professionista di individuare la fattura, anche al fine della successiva contabilizzazione, recapitata dal Sistema di Interscambio e direttamente afferente alla spesa di vitto o alloggio.

    Aziende e professionisti potranno utilizzare anche il seguente sistema:  rilascio da parte del soggetto esercente di una ricevuta fiscale o di uno scontrino e l’emissione della fattura elettronica con l’indicazione nel campo “altri dati gestionali” e “riferimento testo” dei riferimenti dello scontrino o della ricevuta fiscale emessi.

    Da ultimo, laddove il soggetto esercente dovesse rifiutarsi di consegnare una “copia di cortesia”, sarà consigliabile l’utilizzo di metodi di pagamento tracciabili al fine di riconciliare la spesa sostenuta dal dipendente con la contabilità aziendale o del professionista datore di lavoro.

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    sabato 30 marzo 2019 Welfare aziendale: esempi
    giovedì 07 marzo 2019 Turisti UE/extra: contante a 15.000 Euro.
    domenica 24 febbraio 2019 Fattura elettronica e consumatore finale
    domenica 24 febbraio 2019 Cedolare secca e negozi
    domenica 24 febbraio 2019 Deducibilità Imu immobili strumentali
    Vai all'archivio

    Link