>

La tassazione dell’impresa individuale: novità

  • di Luigi Mondardini

    Dal 2017 un nuovo regime di tassazione separata per il reddito d’impresa.

    La nuova imposta (IRI) , Imposta sul reddito d’impresa, si basa su  una aliquota fissa del 24% per il reddito che resta in impresa e non viene prelevato dall’imprenditore.
     
    Si tratta di un regime di imposizione opzionale destinato agli imprenditori individuali, le società in nome collettivo e in accomandita semplice in regime di contabilità ordinaria. 
     
    Pertanto:
    - il reddito che rimane in azienda sarà tassato al 24% e non concorrerà formare il reddito complessivo Irpef; sulla parte di reddito rimasto in azienda, l’imprenditore non potrà far valere eventuali oneri deducibili/detraibili personali, quali detrazione familiari a carico, mutuo per la casa, università per i figli, spese mediche, assegno al coniuge, ecc.
     
    - il reddito prelevato dall’imprenditore sarà assoggettato ad IRPEF secondo gli scaglioni vigenti.
     
    Per avvalersi del nuovo regime già dal 2017 , la cui opzione che dovrà avvenire in dichiarazione dei redditi nel Modello Unico/2018, occorre  che l’impresa operi in regime di contabilità ordinaria .
     
    Il nuovo regime durerà 5 anni ed è rinnovabile.
     
    La nuova imposta sembra essere di scarso interesse per un piccolo imprenditore con una media annua di reddito lordo fra i 25.000/30.000 Euro con parecchi oneri personali.
     
    Può diventare un’opzione vantaggiosa per chi consegua un reddito lordo annuo mediamente intorno ai 45.000/50.000 euro o anche maggiore  , in grado  di non prelevare una parte degli utili (ad esempio 20.000 Euro) lasciandoli in azienda; in questo caso si avrebbe  il vantaggio di assoggettare tale somma  ad un’aliquota del 24% e ad Irpef gli altri 30.000 euro su cui poter far valere anche gli oneri deducibili/detraibili personali.
     
     
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT DicembreVai all'archivio

    Quesito del giorno

    giovedì 07 marzo 2019 Turisti UE/extra: contante a 15.000 Euro.
    domenica 24 febbraio 2019 Fattura elettronica e consumatore finale
    domenica 24 febbraio 2019 Cedolare secca e negozi
    domenica 24 febbraio 2019 Deducibilità Imu immobili strumentali
    venerdì 08 febbraio 2019 Carburante: acquisto self service
    Vai all'archivio

    Link