>

In arrivo lo spesometro

  • di Luigi Mondardini

    Per i mensili scadenza del 10 aprile 2016, per i trimestrali il 20 aprile 2016.

    Lo Spesometro prevede la comunicazione telematica di tutte le operazioni rilevanti a fini IVA: quelle con fattura, scontrino, ricevuta fiscale o anche per le quali non sia obbligatoria la certificazione del corrispettivo pattuito. 
     
    Il termine ultimo per l’invio telematico di tale comunicazione è fissato in maniera distinta:
    - per coloro che hanno periodicità IVA mensile il termine ultimo per l’adempimento è fissato entro il 10 aprile 2016.
    - Per i contribuenti trimestrali  dati  vanno inviati entro  il 20 aprile 2016.
     
    Lo spesometro per l’anno 2015 prevede alcune novità. 
     
    Per il 2015, diversamente dal 2014 vengono meno, è previsto che:
    - le Amministrazioni Pubbliche debbano  presentare lo spesometro
    - l’obbligo  per i commercianti al dettaglio e operatori turistici a dover comunicare le operazioni attive d’ importo unitario inferiore a 3mila euro, al netto dell’IVA. 
     
    Lo spesometro è un adempimento a carico di tutti i soggetti titolari di partita IVA che abbiano posto in essere nell’anno d’imposta 2015 operazioni rilevanti a fini IVA (imponibili, non imponibili, esenti).
     
     
    Sono esonerati:
    - i soggetti che hanno scelto il regime  fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità;
    - lo Stato, le Regioni, le Province, i Comuni e gli altri organismi di diritto pubblico; in particolare sono  irrilevanti e quindi esonerate da tale obbligo le operazioni poste in essere dalle Pubbliche Amministrazioni in ambito istituzionale. 
    - Operazioni interessate.
    - i contribuenti che aderiscono al  regime forfettario.
     
    Le operazioni interessate dalla comunicazione sono: 
     
    - le cessioni di beni e prestazioni di servizi rese e ricevute per le quali vige obbligo di emissione della fattura, a prescindere dall’importo;
     
    - le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese e ricevute per le quali non c’è l’obbligo di emissione della fattura, se l’importo unitario dell’operazione è pari o superiore a 3.000 euro al netto dell'IVA (esclusi i commercianti al dettaglio e gli operatori turistici); 
     
    - le operazioni in contanti legate al turismo d’ importo pari o superiore a mille euro, effettuate da chi esercita commercio al minuto e attività assimilate, o da agenzie di viaggi e turismo (i soggetti indicati agli articoli 22 e 74-ter del DPR 633/1972), nei confronti delle persone fisiche di cittadinanza diversa da quella italiana e comunque diversa da quella di uno dei paesi dell'Unione Europea ovvero dello Spazio Economico Europeo, che abbiano residenza fuori dal territorio dello Stato.
     
    Sono escluse dall'obbligo di comunicazione: 
     
    - le importazioni, le esportazioni indicate all'articolo 8, comma 1, lettere a) e b), del DPR 633/1972; 
    - le operazioni intracomunitarie;
    - quelle che costituiscono già oggetto di comunicazione all'Anagrafe Tributaria; 
    - le operazioni d’ importo pari o superiore a 3.660 euro, effettuate nei confronti di contribuenti, non soggetti passivi IVA, non documentate da fattura, il cui pagamento è avvenuto mediante carte di credito, di debito o prepagate.
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link