>

Forfettario e datori di lavoro

  • di Luigi Mondardini

    La circolare 10.04.2019, n. 9/E sul regime forfetario.

    La lettera d-bis) concerne la causa ostativa dei rapporti con i datori di lavoro:

    • non possano avvalersi del regime forfettario le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti dei datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o sono intercorsi nei 2 anni precedenti o nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai datori.
    • Fanno eccezione i soggetti che iniziano una nuova attività dopo aver svolto la pratica obbligatoria della professione.

    Questa causa richiede una verifica  nel corso dell'anno in cui si applica il regime e non rispetto all’anno precedente.

    Se un contribuente ha  concluso un rapporto di lavoro nel 2018 potrà accedere al regime dei forfettari nel 2019; tuttavia se al 31.12.2019 risulterà di aver fatturato  prevalentemente nei confronti del precedente datore di lavoro, fuoriuscirà dal regime nel 2020.

    Le condizioni previste:

    1. il requisito della prevalenza va inteso in senso assoluto: se i compensi percepiti/ricavi conseguiti verso il datore superano il 50%, dall'anno successivo si fuoriesce dal regime;
    2. 2 anni precedenti: il rapporto di lavoro cessato prima del 1.01.2017 non è soggetto a verifica;
    3. Per rapporto di lavoro  si intende il lavoro dipendente o assimilato ex artt.  49 e 50 del Tuir).

    Tuttavia, sono previste alcune eccezioni:  infatti  i pensionati (pensionamento obbligatorio in termini di legge) non incorrono nella causa ostativa.

    Inoltre:

    • Tra i redditi da lavoro assimilato a quello dipendente (art. 50 Tuir) non rientrano nell'applicazione della causa ostativa le borse di studio, le remunerazioni dei sacerdoti, i gettoni presenza, le rendite vitalizie ecc..
    • al contrario vi rientrano i compensi percepiti da soci lavoratori di alcune tipologie di cooperative, i compensi per l'attività intramuraria professionale dei dipendenti del SSN, ecc.
    • le somme ai revisori e sindaci non sono impeditive , mentre quelle di amministratori e collaboratori, sì;

    Importante precisazione: le situazioni che già prima dell'introduzione della lettera d-bis vedevano convivere sia rapporti di lavoro autonomo che rapporti di lavoro dipendente e non subiscono sostanziali modifiche nemmeno dopo, non sono impeditive .

    Infine sono soggetti direttamente o indirettamente riconducibili, i soggetti controllati, collegati, controllanti ai sensi dell'art. 2359 C.C. e per interposta persona, ossia familiari: coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo.

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link