>

Fattura elettronica, comportamenti da tenere

  • di Luigi Mondardini

    Alcuni situazioni che dal primo gennaio si presenteranno concretamente.

    Una prima situazione riguarderà l’ipotesi di una  fattura  emessa e trasmessa nel 2018 in modalità cartacea e  ricevuta dal cessionario/committente nel 2019; la fattura  non è soggetta all’obbligo della fatturazione elettronica.

    Viceversa non potrà essere cartacea una fattura spedita/trasmessa successivamente al 31 dicembre 2018 con tanto di documentazione della data di trasmissione (ad esempio spedizione a mezzo PEC).

    Un altro caso riguarda il comportamento dell’esercente qualora il cliente, al momento di effettuazione dell’operazione, chieda l’emissione della fattura ( si pensi ad esempio  al ristoratore  a cui venga  chiesto di emettere la fattura, «in sostituzione» dello scontrino o della ricevuta fiscale).

    Al momento  di effettuazione dell’operazione  l’esercente potrà alternativamente  emettere una ricevuta fiscale o uno scontrino fiscale da utilizzare come documenti idonei (documento equipollente al DDT) per poi procedere alla emissione di una “fattura differita”.

    In tal caso, l’ammontare dei corrispettivi certificati da ricevuta/scontrino fiscale e oggetto di fatturazione differita va scorporato dal totale giornaliero dei corrispettivi.

    Se invece si dovesse optare per l’emissione della “ fattura immediata”, da  trasmettere al SdI entro i termini della liquidazione periodica, al cliente, al momento di effettuazione dell’operazione, andrà rilasciata apposita quietanza (ex art. 1199 del codice civile) o la stampa della fattura o la ricevuta del POS.

    Tali documenti assumono rilevanza solo commerciale e non fiscale. Resta ferma la possibilità di rilascio dello scontrino/ricevuta fiscale.

    Per l’assolvimento dell’imposta di bollo occorre distinguere tra le fatture cartacee/analogiche da quelle  elettroniche.

    Per le fatture cartacee/analogiche l’imposta di bollo può essere assolta  appiccicando la marca alla fattura) oppure in modo virtuale.

    Per le fatture elettroniche il bollo va assolto solo in modo virtuale e  l’imposta  va versata in un’unica soluzione, entro 120 giorni dalla chiusura dell’anno (entro il 30 aprile), tramite f24 esclusivamente telematico utilizzando il codice tributo 2501.

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    domenica 20 gennaio 2019 Fatture elettroniche/reverse c.
    domenica 20 gennaio 2019 Ristoratore con molte fatture giornaliere
    domenica 20 gennaio 2019 Artigiano: emissione di ricevute fiscali
    venerdì 18 gennaio 2019 Figli a carico, nuovi limiti.
    giovedì 17 gennaio 2019 Condominio e fatture elettroniche
    Vai all'archivio

    Link