>

Esenzioni (possibili) alla fatturazione elettronica

  • di Luigi Mondardini

    Nuove ipotesi allo studio del Governo.

    Niente obbligo di fatturazione elettronica per Partite IVA in regime forfettario e micro imprese: è una delle ipotesi allo studio del Governo in vista della prossima Legge di Bilancio 2019.

     

    L’idea è quella di escludere alcune categorie di contribuenti dall’obbligo di fattura elettronica che scatterà per tutte le operazioni  dal 2019: negozi di commercio al dettaglio, artigiani e titolari di partita IVA nel nuovo regime dei minimi.

     

    L’esclusione dei forfettari non riguarderebbe l’attuale platea di coloro che hanno scelto il regime fiscale al 15%, ma un numero più vasto di contribuenti, in considerazione del fatto che in manovra ci sarà l’estensione del regime dei minimi alle partite IVA .

     

    L’esenzione se fosse attuata escluderebbe una platea di circa 1,5 milioni di professionisti dall’obbligo di e-fattura. Il Governo andrebbe così incontro alle richieste delle PMI, che da tempo lamentano l’eccessiva onerosità dell’obbligo previsto dal 2019.

     

    In pratica, si pensa a una rimodulazione dell’obbligo di fattura elettronica, in parte già entrato in vigore dallo scorso primo luglio per le cessioni di carburante (escluse quelle ai distributori di benzina) e per i subappalti nei contratti con la pubblica amministrazione.

     

    Si tratta di anticipazioni non ufficiali, per avere certezze bisogna attendere la presentazione della manovra.

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link