>

Entro il 31 maggio la definizione delle violazioni formali.

  • di Luigi Mondardini

    E’ termine fissato per avvalersi di alcune forme di definizione fiscale.

    Con la ris.n.37 del 21 marzo 2019  è stato istituito il codice tributo “PF99” per l’effettuazione dei versamenti.

     

    Il perfezionamento richiede:

     

    • il versamento di 200 euro per ciascuno dei periodi d’imposta a cui si riferiscono le violazioni formali;

     

    • la rimozione delle irregolarità formali da effettuarsi  entro il 2 marzo 2020.

     

    L’importo complessivo , riferibile a ciascun anno,  può essere rateizzato in due rate di pari ammontare scadenti, rispettivamente, il 31 maggio 2019 e il 2 marzo 2020, tuttavia non è compensabile.

     

    La definizione in oggetto determina  la “copertura” dalle violazioni formali commesse fino al 24 ottobre 2018; si tratta di violazioni  non rilevanti ai fini della determinazione della base imponibile e dell’imposta.

     
    Un caso rientrante tra le situazioni sanabili è quello delle  imprese che operano nel settore dell’edilizia, dove è frequente l’applicazione del meccanismo dell’inversione contabile. In caso di errore la sanzione è prevista in misura fissa da 250 a 10.000 euro dovuta in base a ciascuna liquidazione del tributo e con riferimento a ciascun fornitore/committente.

     

    Così supponendo che siano contestate tre violazioni , il  contribuente rischierebbe  l’irrogazione di una sanzione pari complessivamente a 750  euro (ipotizzando l’applicazione della misura minima), mentre la  definizione avrebbe un  costo di 200 euro e  quindi  meno di un terzo della sanzione che presumibilmente sarebbe irrogata.

     
    Si ricorda che tra le ipotesi “non sanabili” è compresa l’omessa presentazione delle dichiarazioni in materia di imposte sui redditi, IRAP o Iva; ciò in quanto l’omissione rileva ai fini della determinazione della base imponibile anche qualora non dovesse risultare un’imposta dovuta.

     
    Conseguentemente, se il contribuente non ha presentato una dichiarazione Iva a credito, riportando successivamente l’eccedenza al periodo d’imposta successivo, non potrà definire la violazione avvalendosi della regolarizzazione di cui all’art. 9 in rassegna.

     

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link