>

Dichiarazione fraudolenta: intervento della Cassazione

  • di Luigi Mondardini

    Sentenza n. 38717/2016. La necessità dell’elemento psicologico.

    La Suprema Corte afferma  che la semplice veste di legale rappresentante della società in capo all’imputato non è sufficiente ad una affermazione di colpevolezza sic et simpliciter.
     
    Precisa: “…. considerandone le dimensioni non certamente minimali, è invece necessario l’accertamento in concreto della sua consapevolezza della fittizietà delle fatture utilizzate ai fini della presentazione di una dichiarazione fiscale fraudolentemente falsa e correlativamente appunto verificare mediante l’assunzione dei testi suddetti se di contro sia veritiera la tesi difensiva che tale consapevolezza non sussisteva, per detta ragione”.
     
    La  pronuncia è quanto mai interessante perché prende precisa posizione su un aspetto che spesso viene trascurato nei reati tributari, ossia la presenza o meno dell’elemento psicologico richiesto ai fini della integrazione della fattispecie criminosa.
     
    Nel caso in esame , la Suprema Corte, ha chiaramente etichettato come “non adeguata” la motivazione resa dal Giudice di seconde cure , ai fini dell’affermazione della penale responsabilità dell’imputato, basata non tanto su un accertamento in concreto, quanto su ipotesi ritenute dal Giudice di merito come plausibili (“non poteva non essere a conoscenza”).
     
    Viceversa anche con specifico riferimento all’elemento soggettivo della fattispecie, risulta necessario un preciso e puntuale accertamento, anche mediante l’ammissione,  di tutti i mezzi di prova che possano far luce sulla consapevolezza o meno dell’imputato in ordine alla condotta delittuosa attribuitagli.
     
    Tale consapevolezza, insegna la Suprema Corte, non può essere ricondotta de plano alla veste formale di legale rappresentante assunta dal soggetto chiamato a difendersi, in quanto in capo al medesimo, per diversi motivi, potrebbe difettare proprio quella consapevolezza viceversa richiesta dalla norma incriminatrice e condizione indefettibile per il raggiungimento di una pronuncia di condanna.
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link