>

Dal 1° luglio i corrispettivi sono telematici

  • di Luigi Mondardini

    Quando il Registratore non è stato consegnato.

    Per coloro che nel 2018 hanno conseguito un volume d’affari superiore a 400mila euro, a partire dal 1 luglio 2019 scatta l’obbligo di  certificare i corrispettivi telematicamente vale a dire devono provvedere alla memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi.

     
    Può peraltro succedere di non essere ancora pronti con la nuova procedura.

    Chiarimenti sono stati forniti dall’Agenzia delle Entrate, con Circolare 15/E, diramata sabato 29 giugno.

    Riepiloghiamo i vari passaggi della nuova procedura.

    Il documento commerciale:

    • Il documento commerciale è  in pratica il “nuovo scontrino” emesso dal Registratore Telematico; tale documento va obbligatoriamente rilasciato  al cliente e sostituisce lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale, Si ricorda che il documento commerciale  deve  essere emesso all’atto dell’operazione, così da poter immediatamente memorizzare il corrispettivo nel Registratore Telematico.

    Memorizzazione:

    • l’obbligo di memorizzazione elettronica resta giornaliero. I corrispettivi vengono memorizzati giornalmente in maniera immodificabile nel Registratore Telematico e poi, entro 12 giorni, trasmessi all’Agenzia delle Entrate

    Trasmissione telematica:

    • la trasmissione telematica dei corrispettivi,inizialmente  prevista a cadenza giornaliera, potrà essere effettuata (a regime) entro 12 giorni dalla data operazione cioè la consegna del bene  o l’incasso del corrispettivo. In pratica a partire dalla data di emissione dello scontrino , vi saranno  12 giorni per la trasmissione dei dati all’Agenzia.

     

    Il periodo transitorio:

    è comunque previsto un periodo transitorio, pari ai primi sei mesi dell’obbligo  vale a dire il  secondo semestre 2019 ,  nel corso del quale  è prevista una moratoria delle sanzioni. Attenzione:

    • in questo periodo non saranno comminate sanzioni se la trasmissione telematica sarà effettuata, anziché nei 12 giorni previsti in termini generali, entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

     

    Premesso il quadro generale suindicato, vanno affrontati  alcuni aspetti operativi:

    • come comportasi in caso di mancata disponibilità del Registratore Telematico
    • cosa succede se non si è in grado di memorizzare e  come poter poi trasmettere i dati
    • cosa rilasciare al cliente in luogo del documento commerciale,se il registratore non è disponibile.

    La Circolare 15/E precisa che in fase di avvio, ovvero nei primi sei mesi dall’obbligo, e fino ad avvenuta attivazione del Registratore Telematico, l’obbligo di memorizzazione si considera assolto  mantenendo la precedente operatività giornaliera, vale a dire:

    • Rilasciando al cliente il “vecchio” scontrino fiscale o la ricevuta fiscale ;
    • Mantenendo in uso il registro dei corrispettivi ( che per i corrispettivi telematici è stato abolito).

    Tuttavia resta la questione della trasmissione telematica, che dovrà comunque essere effettuata entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.


    Su quest’ultimo aspetto la Circolare precisa che le indicazioni  verranno fornite con un successivo Provvedimento.

     
    E’ possibile anche utilizzare , in alternativa,  l’applicazione web annunciata con Provvedimento Ade n. 99297 dello scorso 18 aprile.

    In sostanza, il sito web dell’Agenzia delle Entrate può essere utilizzato come un registratore di cassa, o meglio, come un Registratore Telematico.

    Per utilizzare l’applicazione web il contribuente dovrà entrare, tramite le proprie credenziali, sulla Piattaforma Fatture e Corrispettivi, alla voce documento commerciale on line.


    Tramite l’applicazione lo “scontrino elettronico” sarà imputato on line, direttamente sul sito dell'Agenzia, ed una volta finalizzato verrà memorizzato e reso stampabile, per il rilascio al cliente, assolvendo gli obblighi di memorizzazione e trasmissione telematica.


     

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link