>

Contributo a fondo perduto

  • di Luigi Mondardini

    Al via le domande.

    Il contributo  viene riconosciuto  in presenza di una riduzione del fatturato / corrispettivi del mese di aprile 2020 rispetto al mese di aprile 2019.

    Occorre utilizzare l’apposito modello recentemente approvato dall’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento 10.6.2020.

    Il  contributo spetta:

    • ai titolari di reddito agrario di cui all’art. 32, TUIR nonché ai soggetti con ricavi di cui all’art. 85, comma 1, lett. a) e b), TUIR / compensi 2019 non superiori a € 5 milioni.
    • In caso di esercizio di più attività per la verifica del suddetto limite va considerata la somma dei ricavi / compensi riferiti a tutte le attività.

    a condizione che l’ammontare del fatturato / corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 dell’ammontare del fatturato / corrispettivi del mese di aprile 2019.

    A tal fine va fatto riferimento alla data di effettuazione delle operazioni (cessione di beni /prestazione dei servizi).

    Il contributo spetta anche in assenza di tale requisito  ai soggetti che hanno iniziato l’attività dall’1.1.2019.

    Sono esclusi dal contributo:

    • i soggetti che hanno cessato l’attività alla data di presentazione della domanda;
    • Enti Pubblici di cui all’art. 74, comma 2, TUIR;  
    • intermediari finanziari / società di partecipazione di cui all’art. 162-bis, TUIR;  
    • contribuenti che hanno diritto alle indennità previste dagli artt. 27 e 38, DL n. 18/2020 (professionisti / co.co.co. iscritti alla Gestione separata INPS, lavoratori dello spettacolo);
    • lavoratori dipendenti;
    • i professionisti iscritti agli Enti di diritto privato di previdenza obbligatoria di cui al D.Lgs. n. 509/94 (CNPADC, Inarcassa, CIPAG, ENPAM, ecc.) e n. 103/96 (Casse Interprofessionali).

    Il contributo è determinato applicando una specifica percentuale alla differenza tra l’ammontare del fatturato / corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’ammontare del fatturato / corrispettivi del mese di aprile 2019 nelle seguenti misure, differenziate a seconda dei ricavi / compensi 2019:

    • 20% non superiori a € 400.000
    • 15% se superiori a € 400.000 e fino a € 1.000.000
    • 10% superiori a € 1.000.000 e fino a € 5.000.000 10%

    Come precisato dalle istruzioni del modello in esame per il calcolo del contributo l’ammontare dei ricavi / compensi / volume d’affari non va ragguagliato ad anno.

    Il contributo a fondo perduto è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a € 1.000 per le persone fisiche;  € 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

    Il contributo in esame  non è tassato ai fini IRPEF / IRES / IRAP;  non rileva ai fini del rapporto di deducibilità degli interessi passivi / componenti negativi ex artt. 61 e 109, comma 5, TUIR.

    Il contributo sarà corrisposto dall’Agenzia delle Entrate mediante accredito diretto sul c/c bancario / postale intestato / cointestato al soggetto beneficiario.

    Al fine di ottenere il contributo a fondo perduto il soggetto interessato deve presentare una specifica domanda all’Agenzia delle Entrate in via telematica tramite  il servizio Fisconline / Entratel; la trasmissione può essere effettuata per conto del soggetto richiedente, anche da parte di un intermediario delegato alla consultazione del Cassetto fiscale /fatture elettroniche.

    La domanda va presentata:  dal 15.6 al 13.8.2020;  dal 25.6 al 24.8.2020 per l’erede che continua l’attività del soggetto deceduto.

    Entro il medesimo termine è possibile presentare una nuova domanda che sostituisce quella precedentemente trasmessa.

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020martedì 28 gennaio 2020 ISTAT dicembre 2019Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link