>

Comunicazione Liquidazione Iva e ravvedimento

  • di Luigi Mondardini

    Regolarizzare la mancata, incompleta o infedele comunicazione.

    Il 28 febbraio è scaduto il termine per l'invio della comunicazione dei dati delle liquidazioni del IV° trimestre 2017.
     
    Si tratta  per i mensili dei  dati delle liquidazioni di Ottobre-Novembre-Dicembre e  per i trimestrali i dati della liquidazione del Quarto trimestre. 
     
    L’omessa, incompleta o infedele comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche è, punita con la sanzione amministrativa da euro 500,00 a euro 2.000,00, ridotta alla metà se la trasmissione è effettuata entro i 15 giorni successivi alla scadenza di legge, ovvero se, nel medesimo termine, è effettuata la trasmissione corretta dei dati.
     
    E’ comunque  possibile regolarizzare le violazioni commesse inviando la comunicazione corretta e  versando le sanzioni   ridotte  tramite l’istituto  del ravvedimento operoso.
     
    I due adempimenti – invio e pagamento della sanzione -  non necessariamente  devono essere effettuati nello stesso momento.
    Non vi è obbligo di invio quando la regolarizzazione avviene direttamente con la dichiarazione annuale IVA.
     
    Infatti se con la Dichiarazione Iva annuale sono inviati/integrati/corretti i dati omessi/incompleti/errati nelle comunicazioni periodiche, indicando nel quadro VH la corretta liquidazione, è dovuta la sola sanzione di cui all’articolo 11, comma 2-ter, del D.Lgs. n. 471 del 1997, eventualmente ridotta. 
     
    Vediamo l'importo delle sanzioni dovute a seguito di ravvedimento, a seconda del momento in cui viene effettuata la trasmissione della comunicazione delle liquidazioni IVA del 4° trimestre corretta (entro o oltre i 15 giorni dalla scadenza).
     
    Correzione entro 15 giorni:
    • 27,78 Euro entro il 29 maggio 2018 ( 1/9 di 250 euro);
    • 31,25 Euro entro il 30 aprile 2019 (1/8 )
    • 35,71 Euro entro il 30 aprile 2020 ( 1/7)
    • 41,67 Euro entro il 31 dicembre 2024 (1/6)
    • 50 Euro fino a notifica dell’atto impositivo.

    Correzione oltre 15 giorni: gli importi suindicati raddoppiati.

     
     
     
     
     
     
     
     
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT DicembreVai all'archivio

    Quesito del giorno

    sabato 30 marzo 2019 Welfare aziendale: esempi
    giovedì 07 marzo 2019 Turisti UE/extra: contante a 15.000 Euro.
    domenica 24 febbraio 2019 Fattura elettronica e consumatore finale
    domenica 24 febbraio 2019 Cedolare secca e negozi
    domenica 24 febbraio 2019 Deducibilità Imu immobili strumentali
    Vai all'archivio

    Link