>

Carburante: rinvio fattura el. ,conseguenze

  • di Luigi Mondardini

    Differito il termine all’1.1.2019.

    Dall’ 1.7.2018 trova applicazione l’utilizzo anticipato della fattura elettronica per due tipologie di operazioni: cessioni di carburante e prestazioni dei subappaltatori / subcontraenti nell’ambito degli appalti pubblici.

     

    Tuttavia recentemente  è  stato posticipato  all’1.1.2019 la decorrenza dell’obbligo della fattura elettronica soltanto per le cessioni di carburante per autotrazione presso gli impianti stradali di distribuzione.

     

    Pertanto fino al 31.12.2018 è  possibile continuare ad utilizzare la carta carburante, nel rispetto però dell’obbligo di effettuare i pagamenti con mezzi tracciabili dall’1.7.2018.

     

    La tempistica degli adempimenti in esame va quindi così individuata.

     

     

    Fattura elettronica cessioni di benzina/gasolio  destinati ad essere utilizzati come carburanti per motore

    Decorrenza dal: 1.7.2018

    Fattura elettronica cessioni di benzina/gasolio  per autotrazione da parte di distributori stradali

    Dal: 1.1.2019

    Tracciabilità dei pagamenti per acquisti carburante ai fini della detrazione iva e del costo

    Dal: 1.7.2018

    Abrogazione scheda carburante

    Dal: 1.1.2019

    Memorizzazione/trasmissione telematica corrispettivi cessioni di benzina/gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori

    Dal: 1.7.2018

     

     

    Dall’1.1.2019 l’obbligo di fatturazione elettronica riguarderà tutti gli operatori, ad eccezione dei contribuenti minimi / forfetari e delle operazioni con soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato.

     

    Resta fermo l'obbligo, dal 1° luglio 2018, di utilizzare strumenti tracciabili di pagamento per l'acquisto di carburante ai fini della deducibilità del costo e della detraibilità dell'Iva.

    Il mancato rispetto di questa regola comporta l'indeducibilità del costo ai fini delle imposte dirette e l'indretaibilità ai fini IVA.

    Con il Provvedimento del 4.4.2018 l'Agenzia delle Entrate ha illustrato cosa intende per mezzi ritenuti idonei a consentire il tracciamento, e ha ricompreso in questa fattispecie:

    • gli assegni, bancari e postali, circolari e non, nonché i vaglia cambiari e postali di cui, rispettivamente, al regio decreto 21 dicembre 1933, n. 1736 e al decreto del Presidente della Repubblica 14 marzo 2001, n. 144, con successive modificazioni e integrazioni;

     

    • mezzi di pagamento elettronici previsti all’articolo 5 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, secondo le linee guida emanate dall’Agenzia per l’Italia Digitale con determinazione 22 gennaio 2014, n. 8/2014, punto 5, tra cui, a titolo meramente esemplificativo: addebito diretto; bonifico bancario o postale; bollettino postale; carte di debito, di credito, prepagate ovvero di altri strumenti di pagamento elettronico disponibili, che consentano anche l’addebito in conto corrente. Con la Circolare 8/E/2018 l'Agenzia ha chiarito che sono valide le carte emesse sia da operatori finanziari soggetti all'obbligo di comunicazione di cui all'art. 7, 6° comma, DPR 605/1973, sia da soggetti non tenuti a tale comunicazione.

    Tali mezzi di pagamento risultano validi, ai fini della detraibilità dell'Iva e della deducibilità del costo, anche nel caso in cui il pagamento avvenga in un momento diverso rispetto alla cessione .

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link