>

Bonus 65%: la cessione ai fornitori

  • di Luigi Mondardini

    L’Agenzia delle Entrate ha approvato il provvedimento con le regole attuative.

    L’Agenzia delle Entrate interviene per precisare come i contribuenti “incapienti” possano gestire il bonus del 65% per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica su parti comuni condominiali.
     
    Infatti è ora possibile cedere ai fornitori ,sotto forma di credito,  la detrazione  spettante.
     
    La Legge di Stabilità 2016 prevede che:
     
     “per le spese sostenute dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 per interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali”, i contribuenti che si trovano nella condizioni d’ incapienza possono “optare per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno effettuato i predetti interventi, con modalità da definire con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate”. 
     
     
    Con provvedimento del  22 marzo 2016 sono state fissate le modalità attuative della norma che riguardano i  contribuenti interessati,  il condominio, e i  fornitori che ricevono il credito a titolo di pagamento della quota di spesa a carico del singolo condomino. 
     
    Condizioni richieste:
     
    - incapienza : è quella relativa al periodo d’imposta 2015;
    - cessione del credito: può avvenire solo nei confronti dei fornitori di beni e servizi che hanno realizzato gli interventi di riqualificazione energetica per il condominio. 
    - Credito cedibile: è pari al 65% dei costi a carico del singolo condomino in base alla tabella millesimale di ripartizione ;
    - Le spese: sono quelle  sostenute nel 2016, anche se riferite ad interventi iniziati in anni precedenti. È necessario che il condominio effettui, entro il 31 dicembre 2016, il pagamento delle spese corrispondenti alla parte non ceduta sotto forma di credito mediante l’apposito bonifico bancario o postale. 
     
    La cessione del credito richiede:
     
    - una espressione di volontà dei condomini tramite  delibera assembleare che approva i lavori oppure, in alternativa, da una specifica comunicazione inviata successivamente al condominio. 
    - I fornitori dovranno rispondere al condominio, in forma scritta, di accettare la cessione del credito, a titolo di parziale pagamento del corrispettivo. 
     
    Entro il 31 marzo 2017 ( a pena di inefficacia della cessione del credito) il condominio deve comunicare in via telematica, all’Agenzia delle Entrate, una serie di dati, per consentire il controllo della cessione stessa e della fruizione del credito. Ne dovrà essere data notizia anche ai fornitori cessionari del credito. 
     
    I  fornitori ,  dal 10 aprile 2017, potranno utilizzare il credito nel seguente modo:
     
    - in compensazione;
    - ripartendolo  in dieci quote annuali di pari importo 
    - mediante il Modello F24, esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, con possibilità di riportare nei periodi d’imposta successivi l’eventuale quota non fruita nel periodo di spettanza. 
     
     
     
     
     
     
     
     
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018venerdì 19 gennaio 2018 Variazione ISTAT Dicembredomenica 24 dicembre 2017 Bonus contributi per assunzioni under 35 Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link