>

Bonus “ Negozi e Botteghe”

  • di Luigi Mondardini

    l’Agenzia delle Entrate ha fornito nuovi chiarimenti.

    In particolare  l’Agenzia ha chiarito che è possibile accedere al beneficio  anche in presenza di un contratto diverso da quello di locazione “tipico”, a condizione che abbia la medesima funzione economica (nel caso di specie, utilizzo di un immobile pubblico in base ad un contratto di concessione).

     

    L’art. 65, DL n. 18/2020, c.d. “Decreto Cura Italia” ha introdotto per il 2020, uno specifico credito d’imposta  a favore degli esercenti attività d’impresa pari al 60% del canone di locazione relativo al mese di marzo 2020.

     

    Tale bonus, finalizzato a ridurre gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza “coronavirus” spetta con riferimento al canone di locazione relativo agli immobili di categoria catastale C/1 (negozi e botteghe).

     

    Di conseguenza, il credito d’imposta in esame spetta alle imprese esercenti le attività sospese dal citato DPCM 11.3.2020 nel periodo 12.3 - 25.3.2020 (termine in seguito prorogato).

     

    Successivamente, l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 20.3.2020, n. 13/E ha istituito il relativo codice tributo (“6914”) da indicare nel mod. F24 per l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta.

     

    Con la Circolare 3.4.2020, n. 8/E ha fornito importanti chiarimenti in merito al bonus in esame. In particolare, è stato chiarito che:

     

    • per beneficiare del bonus è necessario il pagamento del canone di locazione del mese di marzo e, pertanto, il credito d’imposta non spetta ai soggetti (conduttori) che non hanno pagato / non sono riusciti a pagare il canone di locazione al proprietario dell’immobile (locatore);
    • sono esclusi dal credito d’imposta i contratti di locazione relativi ad immobili accatastati in categorie diverse dalla C/1 (negozi e botteghe) anche se aventi destinazione commerciale e gli immobili utilizzati nell’ambito di un contratto di affitto d’azienda / ramo d’azienda;
    • con la Circolare 6.5.2020, n. 11/E ha precisato che  anche le spese condominiali rilevano ai fini della determinazione dell’importo su cui calcolare il credito d’imposta, a condizione che le stesse siano espressamente pattuite tra le parti nel contratto di locazione “come voce unitaria con il canone di locazione”;
    • in presenza di un contratto di locazione con canone unitario comprendente sia il negozio (C/1) che una pertinenza (C/3), il credito d’imposta in esame spetta sull’intero canone, a condizione che la pertinenza sia utilizzata per svolgere l’attività d’impresa.

     

     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    martedì 19 maggio 2020 ISTAT aprile 2020domenica 15 marzo 2020 Proroga dei versamenti del 16 marzovenerdì 21 febbraio 2020 Istat gennaio 2020martedì 28 gennaio 2020 ISTAT dicembre 2019Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link