>

Antiriciclaggio. Depenalizzazione

  • di Luigi Mondardini

    Il DLgs. 8/2016 ha depenalizzato diverse condotte in materia di antiriciclaggio.

    Si tratta delle ipotesi di:
     
    - inadeguata verifica della clientela, punita con la multa da 2.600 a 13.000 euro (art. 55 co. 1 del DLgs. 231/2007);
     
    - omessa, tardiva o incompleta registrazione dei dati, punita con la multa da 2.600 a 13.000 euro (art. 55 co. 4 del DLgs. 231/2007);
     
    - assolvimento degli obblighi di identificazione e registrazione mediante utilizzo di mezzi fraudolenti idonei ad ostacolare l'individuazione del soggetto che ha effettuato l'operazione, punito con la multa da 5.200 a 26.000 euro (art. 55 co. 6 del DLgs. 231/2007).
     
    Per le violazioni commesse dal 6.2.2016 la multa è sostituita da una sanzione che, pur essendo di carattere amministrativo, può andare:
     
    - da 5.000 a 30.000 euro, nelle ipotesi base;
    - da 10.000 a 50.000 euro, in quelle “aggravate”.
     
    Chi, anteriormente al 6.2.2016, non ha correttamente adempiuto agli obblighi in materia d'identificazione e registrazione dati ai fini della disciplina antiriciclaggio, verrà sanzionato, in virtù delle previsioni introdotte nel DLgs. 8/2016, in via amministrativa, sempre che il relativo procedimento penale non sia stato definito con sentenza o con decreto divenuti irrevocabili.
     
    In particolare, occorre distinguere tra le seguenti ipotesi relative alle violazioni in questione perpetrate ante 6.2.2016:
    - nessun procedimento pendente;
    - procedimento pendente ma non ancora definito;
    - procedimento pendente e già definito.
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link