> > >

Alberghi e ristoranti: spesometro per le fatture emesse

  • di Luigi Mondardini

    Per il 2012 e 2013 a favore dei commercianti al minuto e soggetti assimilati lo spesometro, relativamente alle operazioni attive per le quali è stata emessa fattura, era limitato a quelle di importo pari o superiore a € 3.600 al lordo IVA.

    Dal 2014 tale agevolazione viene meno; pertanto la comunicazione riguarda tutte le operazioni per le quali è emessa fattura (anche su richiesta del cliente) a prescindere dal relativo importo.

    La normativa originaria consentiva  di comunicare le operazioni, rese e ricevute, limitatamente a quelle di importo non inferiore a  € 3.600 al lordo IVA, se documentate da scontrino/ricevuta fiscale;  € 3.000 se soggette all’obbligo di fatturazione. In seguito  con riferimento alle operazioni effettuate dal 2012, la comunicazione è stata ampliata a tutte le operazioni per le quali è stata emessa la fattura, con il solo limite di € 3.600 per quelle documentate da scontrino/ricevuta fiscale.

    Ciò ha creato problemi operativi per  commercianti al minuto, alberghi, ristoranti, agenzie di viaggio ex art. 74-ter, DPR n. 633/72  essendo tenuti infatti all’emissione della fattura soltanto a seguito della richiesta del cliente e soprattutto  non avendo l’obbligo di  tenere il registro delle fatture emesse. L’art. 24, comma 2, DPR n. 633/72 consente di ricomprendere nell’ammontare giornaliero dei corrispettivi anche quelli delle operazioni fatturate.

    L’Agenzia delle Entrate è  quindi intervenuta  limitando , per il 2012 e il 2013,  la comunicazione alle operazioni attive per le quali è stata emessa fattura di importo pari o superiore a € 3.600 al lordo IVA.

    Tale agevolazione tuttavia non è più prevista a partire dal 2014; da quest’anno infatti i commercianti al minuto, alberghi, ristoranti, agenzie di viaggio, ecc. sono obbligati a rispettare le regole ordinarie.

    A tale proposito si possono quindi adottare le seguenti prassi operative:

    a)          tenere solo il registro dei corrispettivi cioè continuare ad utilizzare la “semplificazione” di cui al citato art. 24, comma 2 , con annotazione anche delle operazioni con emissione di fattura. In tal caso lo spesometro sarà compilato senza possibilità di “recupero” automatico dei dati dai registri IVA , magari dotandosi di una specifica procedura software che contenga i dati delle fatture emesse  da recuperare in sede di predisposizione della comunicazione;

    b)          oppure tenere, in aggiunta al registro dei corrispettivi, il registro delle fatture emesse annotandovi ogni singola fattura. Si potrà inoltre  adottare la soluzione (corrispettivi + fatture emesse) con l’aggiunta dell’utilizzo del documento riepilogativo ex art. 6, DPR n. 695/96 che  consente di annotare nel relativo registro le fatture emesse di importo non superiore a € 300 (IVA compresa), mediante un unico documento “riepilogativomensile in cui riportare:  gli estremi delle fatture oggetto di riepilogo e  l’importo complessivo degli imponibili e dell’imposta distinto per aliquota. In  tal modo nello spesometro  - con riferimento a ciascun documento riepilogativo - va riportato il totale dell’imponibile e dell’IVA (in sostituzione delle singole fatture). In particolare, utilizzando la modalità analitica, nel quadro FE del “Modello di comunicazione polivalente” va barrata la casella di campo 3 “Docum. Riepilog.” (senza indicare la partita IVA / codice fiscale del cliente), mentre a campo 9 va evidenziato il numero attributo al documento riepilogativo.

    Occorre peraltro rilevare come quest’ultima soluzione presenti alcune problematiche per i contribuenti in contabilità ordinaria ; questi ultimi, infatti, dovendo annotare le operazioni sul Libro giornale in ordine cronologico, non riescono a rispettare il corretto utilizzo del partitario clienti al fine della relativa gestione finanziaria (si pensi, ad esempio, all’impossibilità di individuare i crediti ancora aperti in capo ai singoli clienti); inoltre potrebbero emergere difficoltà in sede di annotazione delle fatture emesse  nel caso in cui il numero di protocollo delle fatture annotate singolarmente (di importo superiore a € 300) non corrisponda con il numero della fattura.

    Pertanto   può essere utile istituire 2 distinti registri: uno per le fatture di importo superiore a € 300, il secondo per i documenti riepilogativi.

     

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018martedì 24 aprile 2018 Istat marzo 2018Vai all'archivio

Quesito del giorno

Link