>

Acconto IVA : si versa entro il 27 dicembre

  • di Luigi Mondardini

    L’acconto può essere calcolato con diverse metodologie.

    E’ possibile scegliere tra Metodo storico, Metodo previsionale e Metodo analitico .
     
    Nel caso di utilizzo dei metodi previsionale ed analitico,  il versamento del 27.12 deve coprire  a consuntivo almeno l’88% del debito totale emergente dall’ultima liquidazione dell’anno.
     
    Il metodo storico è quello  più sicuro , basandosi sul versamento dell’88% del debito della liquidazione dell’ultimo periodo dell’anno precedente. 
     
    In particolare si dovrà prendere il debito dell’anno 2015 relativo a  Dicembre, per i contribuenti mensili, Ottobre-novembre-dicembre, per i contribuenti trimestrali speciali (distributori di carburante/autotrasportatori), saldo 2015 più acconto 2015 evidenziati in dichiarazione per i contribuenti trimestrali “normali”
     
    Il calcolo dell’acconto risulterà pari a :  (Acconto 2015 + saldo 2015) – (interessi trimestrali eventuali)] x 88% = acconto per l’anno 2016
    I codici tributo  per la compilazione del modello F24 sono : 6013 acconto IVA contribuenti mensili, 6034  acconto IVA contribuenti c.d. “speciali” ex art. 74, DPR 633/72 ,  6035 acconto IVA contribuenti trimestrali
     
    Si ricorda che nel caso di calcolo con metodo storico dell’acconto vi sono alcune particolari condizioni che obbligano i contribuenti ad effettuare calcolo relativamente diversi, in relazione al cambio di periodicità.
     
    L’ammontare dell’IVA versata in sede di adeguamento è irrilevante nel calcolo dell’acconto.
     
    In caso di contabilità separate con eguale periodicità IVA basta effettuare la somma algebrica dei risultati relativi all’ultimo periodo 2015 e procedere al calcolo. In caso di contabilità separate con differente periodicità (trimestrale e mensile) occorrerà: calcolare due acconti diversi su basi di calcolo diverse, una mensile e l’altra trimestrale Utilizzare due codici tributo diversi (6012 e 6035).
     
    I soggetti che nel 2015 hanno osservato il regime di vantaggio o quello forfetario non devono effettuare il versamento dell’acconto 2016 per il primo anno successivo a quello di fuoriuscita dal regime, essi, infatti non hanno una base di calcolo dell’acconto.
     

Ti potrebbe anche interessare:

    Novità flash

    lunedì 12 agosto 2019 Istat luglio 2019martedì 23 aprile 2019 Istat marzo 2019martedì 19 marzo 2019 Variazione ISTAT febbraio 2019giovedì 17 gennaio 2019 Istat dicembre 2018Vai all'archivio

    Quesito del giorno

    Link