> >

30 novembre II° acconto delle imposte con alcune novità.

  • di Luigi Mondardini

    Al 30 novembre è fissato il termine per il versamento del secondo acconto delle imposte dovute per l’anno d’imposta 2013.

    Come indicato nelle Istruzioni ministeriali dei modelli dichiarativi, normalmente l’acconto non è dovuto se l’importo del rigo  “differenza” è inferiore a 51,65 euro. Se l’importo è uguale o supera tale limite, è dovuto nella misura del 99% (100% per i soggetti IRES).

    L’ art.11 del D.L. n. 76/2013 ha innalzato le misure degli acconti:

    per le persone fisiche, a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2013, l’acconto è pari al 100%;

    per i soggetti IRES l’acconto al 101% per l’anno d’imposta in vigore al 31/12/2013;

    l’acconto IRAP è dovuto nella misura del 100% (persona fisica) o 101% (persona giuridica).

    Accertato l’obbligo al versamento, pertanto, è necessario preoccuparsi, per il 2° acconto, di effettuare un ricalcolo secondo le seguenti regole.

    Per le Persone Fisiche:

    ·                 l’IRPEF, se dovuta, va ricalcolata considerando il 100% del rigo RN33 del modello dichiarativo UNICO PF 2013 meno il 1° acconto già versato con modello F24 codice tributo 4033;

    ·                 l’imposta dovuta dai contribuenti minimi va ricalcolata considerando il 100% del rigo LM14 del modello dichiarativo UNICO PF 2013 meno il 1° acconto già versato con modello F24 codice tributo 1793;

    ·                 l’IRAP, se dovuta, va ricalcolata considerando il 100% del rigo IR21 del modello dichiarativo IRAP 2013 meno il 1° acconto già versato con modello F24 codice tributo 3812;

    ·                 anche per IVIE e IVAFE l’imposta  va ricalcolata considerando il 100% del rigo RM30/31 col. 7 o  RM33/34 col. 7 del  modello unico  PF 2013 meno il 1° acconto già versato con modello F24 codice tributo rispettivamente 4044 o 4047.

    Per le Società di Capitali e gli Enti non commerciali:

    ·                 l’IRES va ricalcolata considerando il 101% del rigo RN17 del modello dichiarativo UNICO SC 2013 meno il 1° acconto già versato con modello F24 codice tributo 2001;

    ·                 l’IRAP, se dovuta, va ricalcolata considerando il 101% del rigo IR21 del modello dichiarativo IRAP 2013 meno il 1° acconto già versato con modello F24 codice tributo 3812.

    È utile ricordare che, così come previsto  dall’art.4 del D.L. 102/2013, è stata ridotta l’aliquota della  cedolare secca  sulle locazioni a canone concordato dal 19 al 15%. Poiché la riduzione è applicabile già dall’anno d’imposta in corso al 31.12.2013, è opportuno valutare la possibilità di ricalcolo anche per tale imposta.

    In tal caso, dovrà essere ricalcolato l’intero acconto dovuto per l’anno 2013 applicando l’aliquota del 15% e quindi sottrarre dal risultato ottenuto quanto già versato in sede di 1° acconto con il codice tributo 1840.

Ti potrebbe anche interessare:

Novità flash

domenica 22 marzo 2015 Reverse charge, in arrivo una circolare delle Entratelunedì 16 marzo 2015 ISTAT febbraio 2015lunedì 23 febbraio 2015 Istat Gennaio 2015venerdì 20 febbraio 2015 Autonomi, contributi restano al 27% Vai all'archivio

Link